FacebookCome al solito, sul web c’è gente che fa girare notizie, le quali alcune volte possono essere vere ed altre sono semplicemente delle bufale. In questo periodo gira voce che Facebook spia le nostre conversazioni. Ogni tanto esce qualche notizia riguardante i nostri dispositivi elettronici della capacita di tramettere informazioni video o audio. Ora il problema è, davvero esiste la remota possibilità che qualcuno ci possa spiare? Una risposta sicura non esiste, anche per quanto riguarda il problema che riguarda la nostra applicazione Facebook.

Questa notizia afferma che, l’applicazione Facebook, ascolta le nostre conversazioni e memorizza tutte le parole chiavi che interpreta, in modo tale da conoscere i nostri gusti e inserire pubblicità mirate all’interno del famosissimo social network.

Sarà vero? Secondo un Youtubers si. Esso infatti, cancellando le ricerche effettuate su Google, ha notato che comunque continuavano ad apparire delle pubblicità, a seconda di ciò che l’applicazione Facebook ascoltava. Ora tutti noi possiamo anche non crederci a quanto detto, ma durante il video, invitava gli utenti a provare quanto detto. Ora per essere così tanto diffusa questa notizia vuol dire che molti utenti hanno provato a fare questo esperimento, ed hanno notato che è una cosa vera questa.

Su alcuni Forum, si legge che questa sia una grande bufala o che si può evitare, negando il consenso del microfono per l’applicazione Facebook. Però anche quest’azione è falsa, in quanto il consenso all’utilizzare il microfono riguarda soltanto le funzioni come, registrare un video o registrare e inviare un messaggio vocale e non a farsi spiare. Quindi tranquilli, questo avvenimento non accade soltanto se si dà il consenso o no al microfono. Il problema è che tutto questo succede proprio quando l’applicazione è chiusa o non viene utilizzata.

Leggi anche:  Facebook e WhatsApp: il trucco per leggere i messaggi senza farlo sapere al destinatario

Per tutti coloro che non sanno se credere a quanto detto o no, invitiamo anche noi a fare l’esperimento. Cancellate tutti di dati riguardanti la cronologia e le ricerche di Google, poi fate lo sforzo per un giorno di non cercare nulla su internet. Dopo di che il giorno dopo, avviate l’applicazione Facebook. Se compariranno pubblicità riguardanti cose che avete detto durante questi giorni, vuol dire che Facebook vi sta spiando. Se invece non compare nulla vuol dire che si tratta di una vera e propria bufala.

Ora vediamo la posizione della dirigenza di Facebook cosa ne pensa riguardo a questa notizia sconvolgente. A tutto questo casino, il vicepresidente del Social network, rassicura tutti i suoi utilizzatori che tutti loro non hanno mai utilizzato i nostri microfoni per la pubblicità mirata sulle nostre applicazioni. Anche se molti utenti non sono del tutto sicuri di questo, in quanto stesso quelli di Facebook possono anche aver rimosso, subito dopo quest’infuocata discussione, questa funzione di spiare le nostre conversazioni per le pubblicità. Quindi in conclusione possiamo solo dire che per coloro che non si sentono sicuri di tutto ciò, noi consigliamo di effettuare la prova esposta nell’articolo.