WhatsApp, Facebook e Instagram, nella giornata di ieri, 8 novembre, hanno avuto gravi problemi nel funzionamento, provocando un down per alcune ore (l’ultimo problema era stato riscontrato il 3 novembre). Nel corso della serata, infatti, su Twitter, con i nuovi 280 caratteri, si sono susseguiti moltissimi messaggi di aiuto da parte degli utenti.

WhatsApp, Facebook e Instagram down: possibili cause

Come vi abbiamo riportato in questo nostro articolo, nella serata di ieri, i principali social network, con inclusa WhatsApp, hanno avuto, per circa 1 ora, gravi problemi nel funzionamento.

Moltissimi utenti hanno segnalato difficoltà nell’inviare messaggi tramite l’app di messaggistica istantanea, ma è risultato impossibile anche accedere a pagine dei social, con continue disconnessioni.

Cosa è successo?

Dati alla mano, circa il 40% degli utenti, parlando di WhatsApp, riusciva ad accedere correttamente all’applicazione, ma aveva delle difficoltà ad inviare messaggi.

Circa il 50% degli utenti, non solo in Italia, ma in tutto il mondo, non riusciva ad accedere ad alcune pagine di Facebook e Instagram. La connessione era corretta, ma quando si provava ad accedere ad un gruppo o a un post in particolare, si scollegava tutto irrimediabilmente.

Leggi anche:  WhatsApp: questo sarà l'aggiornamento più importante di sempre per gli utenti

Precisando che l’azienda, ricordiamo che tutti i servizi indicati nell’articolo appartengono alla società di Zuckerberg, non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali. L’ipotesi più accreditata riguarda un blackout dei server (come è accaduto questa mattina con Ovh), portando a difficoltà di accesso alle principali funzioni. Fortunatamente dispongono di generatori di emergenza, in grado di attivarsi in brevissimo tempo.

Il problema, infatti, è stato risolto in brevissimo tempo. Il down è durato, a macchia di leopardo, circa 30 minuti. Il panico, invece, è stato generale. Oramai, la maggior parte di noi è schiava di applicazioni di questo tipo. Un blackout, anche breve, getta tutti nello sconforto.

Ora è comunque tutto perfettamente funzionante.