Biliscreen, l’app dell’Università di Washington

La medicina negli ultimi anni si sta evolvendo e le pratiche per la diagnosi di una malattia ora sono in costante divenire. Le strumentazioni tecnologiche che maneggiamo tutti i giorni (smartphone, tablet, pc) stanno diventando di fondamentale importanza per contrastare patologie innocue, ma anche serie.

Un’app contro il tumore al pancreas

Un team di ricercatori statunitensi dall’Università di Washington ha da poco rivelato un progetto che potrebbe essere davvero rivoluzionario in campo medico: una app in grado di percepire il tumore al pancreas.

Questo tipo di cancro, attualmente, è tra i più letali in circolazione. Si presenta perlopiù in età tardo adulta ed il suo decorso è fulminante. Quando la malattia è in stato avanzato, le speranze di vita a cinque anni sono assai decimate.

L’insorgenza del cancro al pancreas nell’organismo può essere indicata dal livello di bilirubina chimica nella parte bianca degli occhi. Attraverso la fotocamera del proprio smartphone l’app ideata dei ricercatori (chiamata “BiliScreen”) verifica in tempo reale la presenza di bilirubina ed è in grado di offrirci un prospetto di quadro clinico.

Una diagnosi di questo tipo, attraverso l’utilizzo dell’app, è molto più semplice ed anche più economica delle pratiche attualmente in uso (esami del sangue, tac ed ecografia). Ovviamente l’innalzamento del livello di biliburina potrebbe indicare altre patologie rispetto al tumore. E’ quindi sempre opportuna la presenza di un medico anche dopo aver consultato la piattaforma.