samsung galaxy note 7

Samsung è stata veramente brava. Forte dell’alone magico che sembra connotare questo 2018 (dopo il buio cosmico del 2017), l’azienda è riuscita a trasformare quello che può essere definito il suo più clamoroso flop in una buona prova d’immagine attraverso la presentazione in Corea del Sud del nuovo Galaxy Note FE, modello ricondizionato e riparato del vecchio e sfortunato Note 7.

A pochi giorni dal suo ingresso ufficiale sul mercato, il dispositivo ha già fatto segnalare i primi sold out con alcuni report sudcoreani che segnalano come sia impossibile trovare in negozio il nuovo/vecchio phablet. Per Samsung si tratta ovviamente di un grande successo, considerando soprattutto la tiratura limitata del cellulare, con circa 400mila unità posizionate sugli scaffali.

A far la differenza, secondo alcuni sondaggi interni, sarebbe il design del Note FE. Il pubblico avrebbe particolarmente apprezzato i due colori proposti: il black onyx e blue coral.

Leggi anche:  Samsung Galaxy Note 9, ecco quanto dura la super batteria da 4000 mAh

Adesso, per Samsung, si presenta una scelta complicata da fare. Con il Note FE in Sud Corea si è andati sul sicuro, vista la grande popolarità che il brand ha a casa sua. Forti di tutto ciò, molti dirigenti sarebbero intrigati da un eventuale lancio del phablet anche in Europa e nei mercati occidentali. La decisione non è delle più semplici per due ragioni: per prima cosa il brand vuole assicurarsi lo spazio aperto per la presentazione del Note 8 (secondo top di gamma dell’anno), in seconda battuta c’è da dire che un eventuale secondo flop del Note 7 in terra straniera sarebbe un duro colpo da digerire.

Per ora Samsung si gode il successo interno. Per il domani, ci sarà adeguato tempo di riflessione.