google now

Google sta cercando di inserire nel tempo tante piccole funzioni che non sono necessariamente rilasciate con una nuova versione di Android; spesso sono in pochi a godere di queste piccole migliorie prima del rollout definitivo per tutti gli utenti. Google Now è una delle app che sta ricevendo maggiori attenzioni dalla casa madre nell’ultimo periodo.

Vi avevo già parlato di come Google Now stia migliorando sensibilmente con l’introduzione di tante piccole nuove funzioni, dalla segnalazione dei distributori di gas metano sul nostro percorso fino ad arrivare all’integrazione con le app di terze parti.

Da qualche giorno, alcuni utenti hanno notato in Google Now la presenza di alcune cards che vanno a richiamare gli impegni e le attività appuntate su Google Calendar, rendendo ancora più comoda la fruizione delle stesse per l’utente. Come vi dicevo prima, non tutti hanno ancora la possibilità di godere di questa miglioria che, stando alle voci di corridoio, si farà attendere parecchio ma, prima o poi, sarà per tutti.

Nella scheda noteremo immediatamente quale sarà l’impegno più prossimo da ottemperare e sotto avremo il classico pulsante che da Google Now ci porterà all’applicazione Calendar; da li avremo la possibilità di monitorare gli impegni più ad ampio raggio, come si fa da sempre con Google Calendar. Ogni scheda potrà essere nascosta temporaneamente oppure disabilitata completamente se non ne abbiamo alcun bisogno, come al solito.

Leggi anche:  Android: applicazioni in offerta da installare assolutamente sugli smartphone

Le sorprese che Google Now ha in serbo per noi però non finiscono qua: sarà inserita un’ulteriore scheda che andrà a raggruppare tutte le informazioni sui nostri viaggi: dal volo agli appuntamenti passando per la durata del viaggio, il nostro hotel, il convertitore di valuta, il meteo, le attrazioni e tutto quello che abbiamo appuntato in agenda in merito al viaggio. Tutte informazioni fornite dalla nostra posta di Gmail, dalle ricerche effettuate su Google e da quello che programmiamo con Calendar.

Sicuramente non siamo e non saremo noi italiani a sfruttare per primi queste nuove funzioni ma, qualora qualcuno di voi dovesse notarle, faccia un fischio e ci dica cosa ne pensa e se sono realmente utili.