smartphone flessibile

 

Samsung è proiettata nel futuro ed ha brevettato il disegno del primo smartphone flessibile che, con molta probabilità, sarà la prossima frontiera dell’innovazione mobile.

Samsung spende molti dei suoi guadagni in ricerca e sviluppo e i brevetti che registra lo dimostrano, anche se non è l’azienda che registra il più alto numero è di certo quella che presenta idee molto innovative e lo smartphone flessibile è una di queste.

Samsung brevetta lo smartphone flessibile.

L’idea è quella di andare oltre i vari Galaxy Round ed Edge e realizzare un vero e proprio smartphone flessibile con un determinato raggio di curvatura, una volta eliminata la forza che determina la flessione lo smartphone ritorna alla forma non flessa. Per realizzare un tale dispositivo occorrono diversi materiali quali materiali metallici, di vetro, resine sintetiche (magari di tipo epossidico), polimeri rinforzati con fibra di carbonio, plastica rinforzata con fibra di vetro in pratica di materiali compositi.

Leggi anche:  Huawei spera che i suoi smartphone pieghevoli rendano i portatili obsoleti

Un progetto ambizioso che richiede display flessibili, batteria flessibile, un substrato flessibile nel telaio e un case flessibile. Anche se sembra qualcosa molto lontana nel tempo in realtà potrebbe arrivare prima di quanto si pensi visto che gli studi in tal senso sono iniziati già da tempo in particolare con i display in grafite che si potranno piegare come fogli di carta.

Samsung porterà lo smartphone flessibile sul mercato tra qualche anno se riuscirà a realizzarlo e a quel punto ci sarà qualche azienda in grado di contrastarla in un panorama in cui la forma rettangolare, più o meno smussata, sembra l’unica possibile?