twitter

Sostenitori Stato Islamico usati almeno 46.000 account Twitter alla fine del 2014, comunicano in inglese circa un quinto del tempo, secondo una nuova analisi sull’utilizzo del gruppo dai militanti  dello Stato Islamico ai social media.

Il rapporto di 68 pagine dal Brookings Institution ha scoperto che i sostenitori dello Stato islamico usano Twitter “all’interno dei territori dell’organizzazione in Siria e in Iraq, così come nelle regioni contese ” dal gruppo, benchè hanno anche rilevato un gran numero di utenti in Arabia Saudita . Ma i sostenitori dello Stato islamico inviano anche tweets da altre aree, tra cui l’Italia, Svizzera, Francia,  Belgio,  Regno Unito e Spagna, lo studio lo certifica.

E ‘stato  possibile localizzare la provenienza degli account in parte perché “centinaia” di profili monitorati per il report inviano tweet che integrano i dati di localizzazione del gps dello smartphone, sebbene  lo studio ha anche esaminato la location degli IP di accesso degli utenti ai loro profili Twitter. Il rapporto spiega  che i metadati non possono  assicurare con certezza che qualcuno degli account Twitter che supportano lo Stato Islamico sono di provenienza statunitense, anche se alcune persone tweetano dal loro profilo a sostegno della rete terroristica postando da New York o Washington DC.

Leggi anche:  Fastweb ama Android: arrivano 4 offerte con smartphone e Giga a 6 euro al mese

“Siamo ragionevolmente certi che alcuni sostenitori ISIS ingannevolmente postano da luoghi negli Stati Uniti, al fine di creare l’apparenza di una minaccia in patria”, così dice il rapporto.

Oltre al 20%, che ha twittato in inglese, circa il 73% degli account monitorati dallo studio ha twittato in arabo, e il 6%  ha twittato in francese.

I Sostenitori dello stato islamico si aggirano in media ai 1.004 seguaci su Twitter, molto più follower di un normale account, che riflette la loro ampia portata sui social media. Inoltre  illustra che c’e un “gruppo relativamente piccolo di utenti iperattivi, tra i 500 e i 2.000 accout, che Tweetano al verificarsi di atti terroristici, o esplosioni di larga scala.”

L’utilizzo di Twitter da parte di simpatizzanti per lo Stato islamico è rimasto controverso. Twitter nei giorni scorsi ha sospeso almeno 2.000 account. Tra gli account utilizzati dai sostenitori dello Stato Islamico, il 69% degli utenti  smartphone tweetano da un dispositivo Android, il 30% invece utilizza un iPhone.

Via