Samsung Galaxy S6

Quali sono le differenze tra il Samsung Galaxy S6 e il suo modello immediatamente precedente, il Galaxy S5? Ci sono stati dei passi avanti con il nuovo esemplare? Ecco un rapido confronto tra i due smartphone top di gamma della casa di telefonia sudcoreana.

Partiamo da un presupposto: la maggior parte degli utenti sicuramente dirà che questo non è un confronto equo, dato che il Samsung Galaxy S6 è più recente e dovrebbe quindi essere meglio accessoriato rispetto al Galaxy S5. Tuttavia, vogliamo soltanto effettuare un paragone tra le specifiche dei due dispositivi per verificare l’effettivo miglioramento dell’ultimo modello rispetto a quello precedente. Un qualsiasi cliente deve comunque decidere se sia meglio cercare di aggiornare il proprio cellulare o acquistarne la versione più moderna.

Vediamo rapidamente alcuni punti in comune tra i due apparecchi. Alcune caratteristiche sono rimaste pressoché identiche. Tra queste, lo schermo Super Amoled da 5,1 pollici, le dimensioni, anche se il Samsung Galaxy S6 è un po’ più stretto, ha una memoria interna da 32 GB e una fotocamera dotata di un sensore principale da 16 megapixel. Molte specifiche sono uguali, come la presenza del Wi-Fi Dual Band, il Bluetooth, la NFC, l’IR Blaster e una microUSB v 2.0 per ricaricare e trasferire dati. Inoltre, entrambi si possono ricaricare con metodi wireless, sono forniti di uno scanner che riconosce mediante le impronte digitali, hanno un sensore per la frequenza cardiaca e un chip per eliminare i rumori grazie ad un apposito microfono. Ma adesso, entriamo nei particolari ed effettuiamo il confronto vero e proprio.

Il Samsung Galaxy S6 è innanzitutto fornito di un telaio fatto in metallo, mentre l’S5 vedeva una forte prevalenza della plastica. Entrambi, come già accennato, possiedono un display da 5,1 pollici, anche se le prime vere differenze si notano nella risoluzione. Se nel Galaxy S5 questa era di 1920×1080 pixel con 432 pixel per pollice, nell’innovativo S6 si raggiungono i 2560×1440 pixel, con ben 577 pixel per pollice. Da un full HD si è passati ad un Quad HD.

Per quanto riguarda il processore, il Samsung Galaxy S6 si serve del proprio Exinos 7420 octa core, che segna un taglio netto rispetto al precedente Qualcomm Snapdragon 801. La memoria RAM è salita dai 2 GB del Galaxy S5 ai 3 del modello attuale, con la memoria esterna che può essere di 32, 64 o 128 GB senza spazio per l’espansione.

La fotocamera offre nuove possibilità, come l’autofocus, il sensore Sony, il flash LED, l’apertura F1.9, l’OIS e la tecnologia ISOCELL. La velocità di scatto è nettamente aumentata, con la possibilità di utilizzare l’obiettivo in meno di un secondo. La fotocamera frontale ha aumentato la propria risoluzione da 2 a 5 megapixel, con un’apertura F1.9 perfetta per i selfie anche in condizione di illuminazione scarsa e per la realizzazione di video.

La capacità della batteria del Samsung Galaxy S6 è inferiore rispetto a quella del Galaxy S5 (2550 mAh contro 2800mAh), anche se dovrebbe tranquillamente durare tutta la giornata. Inoltre, la nuova batteria è in grado di essere caricata fino a 4 ore di utilizzo in soli 10 minuti. Possibile anche il sistema wireless.

Per quanto riguarda la scelta conclusiva, sembra ovviamente da preferire il Samsung Galaxy S6 rispetto al Galaxy S5. Quest’ultimo è un modello solido ed affidabile, uno dei migliori dispositivi mobili del 2014. Ma con l’arrivo del nuovo anno, il Galaxy S6 rappresenta un netto passo in avanti. Il nuovo esemplare è meglio costruito, ha una RAM e un processore più veloce, una memoria flash interna più efficiente, un altoparlante migliore e un sensore di impronte digitali di alta qualità. Inoltre, non mancano il Samsung Pay, il carica-batterie mediante il wireless e la possibilità di gestire ogni settaggio al meglio. È vero che il prezzo del Samsung Galaxy S6 è inizialmente superiore rispetto al modello precedente, ma è la qualità a fare la differenza.

via