flexcharger-indiegogo-1

 

Una startup ha presentato, su Indiegogo, un progetto di commercializzazione di un caricabatterie molto versatile denominato FlexCharger.

Solitamente i caricabatteria per dispositivi mobili sono accessori tutt’altro che interessanti ma una startup ha serie intenzioni di commercializzare in larga scala un caricabatterie multifunzionale davvero molto interessante chiamato FlexCharger.

FlexCharger: Il caricabatterie multifunzionale.

Tutti siamo abituati a maneggiare i nostri caricabatterie dei vari smartphone o tablet e di certo pensiamo che siano indispensabili ma non comodi per l’utilizzo del nostro dispositivo, ma adesso arriva FlexCharger un dispositivo molto interessante e versatile sotto molti aspetti. E’ possibile infatti ricare fino a cinque dispositivi contemporaneamente, estendere la ricezione della rete Wi-Fi, e caricare il proprio smartphone compatibile tramite induzione.

Attualmente il progetto di produzione di questo dispositivo sta raccogliendo fondi su Indiegogo, il FlexCharger oltre a poter ricaricare cinque dispositivi contemporaneamente e ad estendere il segnale Wi-Fi, è dotato di cavi retrattili lunghi ben due metri e questo permetterà di evitare fastidiosissimi cavi aggrovigliati e di stare attacati alla presa mentre lo smartphone è in ricarica.

Leggi anche:  LEAGOO S10: il CEO Parker Xie conferma un prezzo sotto i 300 dollari

Il dispositivo è disponibile in tre versioni, tra cui FlexCharger S, FlexCharger W (aggiunge ricarica wireless), e FlexCharger W / R (aggiunge ricarica wireless e Wi-Fi ripetitore), al prezzo di $ 99, $ 119 e $ 149, rispettivamente, su Indiegogo.

Il progetto ha già raccolto più di 80 mila dollari, otto volte il suo obiettivo originario, e dispone di altri dieci giorni prima che la raccolta fondi venga chiusa. Il FlexCharger dovrebbe essere spedito ai sostenitori durante il prossimo mese di ottobre.

Di seguito trovate il video ufficiale di presentazione del dispositivo, per voi vale la pena di acquistare il FlexCharger? rispondeteci commentando sotto questo articolo.

VIA