La chip designer ARM, oltre al mobile punta altri mercati
La chip designer ARM, oltre al mobile punta altri mercati

 

Dopo aver  cavalcato l’onda smartphone, la  chip ARM Designer Holding PLC sta gettando le basi per il suo secondo atto. Poco conosciuto al di fuori del settore della tecnologia, l’azienda ARM con sede in  Inghilterra Cambridge, riceve profitti dai canoni di licenza e royalties dei produttori  del calibro di Apple Inc. e Samsung Electronics Co. Incominciarono  con componenti elementari per poi   trovarsi in oltre il 95% degli smartphone del mondo, trasformandola nella società  più gettonata e richiesta dagli investitori  del mercato azionario, un raro gigante europeo di tecnologia. Dal 2010, il suo valore di mercato è aumentato a dismisura più di sei volte, e ora si aggira intorno ai  24,6 miliardi.

Ma, come il mercato degli smartphone matura in tutto il mondo – c’è la minaccia che le vendite tendano a diminuire – ARM si sta inoltrando  in una delle sue incursioni in ​​nuovi mercati più aggressiva nei suoi 24 anni di storia. Essa sta cercando di far partire  il  mercato dei cosiddetti “dispositivi collegati”, che comprende prodotti variegati come le fitness band e i termostati, e agguantare un pezzo del segmento server molto redditizio da Intel Corp.

Poco più di un anno fa, ARM ha lanciato una divisione dedicata al cosiddetto “internet delle cose”; ed ha cercato di stimolare la domanda di questi nuovi chip con  lo sviluppo di software specifici per gli oggetti connessi lavorando con le università per incoraggiare gli ingegneri a imparare a creare prodotti che utilizzano i loro chip.

I telefoni cellulari e computer tablet restano al centro della strategia della società. Le vendite di smartphone sono globalmente ancora in aumento, anche se la crescita sta rallentando e si sta stabilizzando. La Consultancy Gartner stima che le vendite globali di smartphone sono aumentate del 24% in 2014, al di sotto del 42% nel 2013 e 59% nel 2011.

L’importanza del settore smartphone per ARM sarà mostrata  la prossima settimana al Barcellona Mobile World Congress la fiera internazionale del mondo mobile più grande in Europa.

Samsung e altri produttori di dispositivi dovrebbero annunciare una serie di telefoni alimentati da chip basati su ARM. Chips destinati a dispositivi mobili – come telefoni e tablet – costituiti dal 45% del totale dei chip basati su architettura ARM montati nel 2014.

Il nuovo spostamento comporta rischi, e ARM ha avuto risultati non del tutto positivi nei primi tentativi di diversificare. E ‘in gran parte riuscita a estendere il suo dominio dagli smartphone al mercato dei tablet, che utilizza una tecnologia di chip simile. ARM ha  progettato  circa il 75% di chip che alimentano  tali dispositivi, nonostante una spinta di Intel in quel mercato.
Ma ARM ha anche cercato di puntare in modo aggressivo – e finora, con il minimo successo – nel comparto dei server, che utilizzano chip sofisticati e che gestiscono attività di elaborazione complessa.

Dicono gli scettici che i profitti del mercato dei dispositivi collegati potrebbe non essere così grande come quello degli smartphone. I dispositivi collegati in genere eseguono chip che spesso svolgono compiti semplici, come la misurazione della temperatura ogni poche ore o alimentare la centralina di un autovettura. I profitti potenziali derivanti da canoni di licenza e dal pagamento delle royalties potrebbe essere molto più basso per i progetti di questi tipi di chip, rispetto ai complessi circuiti integrati di telefoni e tablet.

Ricavi da Royalty per i chip di fascia bassa possono corrisponde a una frazione di centesimo, a fronte di un paio di dollari ciascuno per un chip di server, dice ARM. il Tasso medio delle Royalty di ARM per chip, un indicatore chiave per l’azienda, è in calo, corrispondeva al 4,5 centesimi nell’anno fiscale passato, a fronte di 6,7 centesimi nel 2006.

Ma il potenziale di crescita rapida nel volume di dispositivi collegati basati su chip ARM potrebbe fare aggiustare questo trend. Gartner prevede il numero di dispositivi collegati salirà a 25 miliardi nel 2020 da tre miliardi nel 2013.

“Stiamo solo vedendo una crescita esponenziale”, ha detto Zach Shelby, responsabile del marketing per la divisione di “Internet delle cose ” di ARM . “Siamo già a una quota di mercato del 25% di tale industria, e c’è un sacco di spazio per crescere. L’espansione in questo settore procede già molto velocemente “.

I competitor sono performanti. Intel ha la  propria divisione di Internet delle cose. L’unità ha registrato 2,1 miliardi di dollari di fatturato l’anno scorso, secondo i risultati finanziari della società dell’intero esercizio 2014 , ma che era principalmente composto dalla lunga tradizione nell’applicazione  dei suoi chip in hardware, come attrezzature industriali e  da ufficio. La società ha infatti annunciato piani per processori ultrasmall per usi più recenti, tra cui smartwatch e altre tecnologie indossabili.

Intel riconosce che ARM ha un buon vantaggio rispetto ad essa e un sacco di slancio. Intel sta cercando di fare affidamento sulla forza tradizionale storica del marchio nei chip di calcolo in ambito PC e Server  per convincere i clienti ad utilizzare i suoi chip, ha detto il portavoce di Intel Mark Brailey.

Alla fine del 1990, ARM ha guadagnato la conduzione del mercato dei chip  dei telefoni quando Nokia Corp. ha deciso di utilizzare i chip basati su architettura ARM, seguita poi dalla decisione di Apple di utilizzare disegni ARM nel Iphone nel 2007. Altri produttori di cellulari e sviluppatori di app allora iniziarono a gravitare verso ARM, progettando sia programmi che hardware che dovevano funzionare su questa architettura.

Fino ad oggi, non c’erano lo stesso tipo di tecnologie produttive che permettevano di dominare il mercato dei dispositivi collegati. ARM ha adottato vari provvedimenti nel corso dell’anno passato per cercare di posizionare i chips basati sui propri disegni cercandoli di rendere la  scelta migliore per ingegneri e progettisti che cercavano di aggiungere un pò più di potenza di calcolo agli oggetti.

L’anno scorso, per esempio, ha implementato un sistema operativo libero per i dispositivi embedded che mirano a rendere più facile per le aziende  sviluppare prodotti in modo rapido.
All’inizio di questa settimana, la società, in collaborazione con International Business Machines Corp conosciuta da molti come IBM. ha mostrato un kit abbastanza semplice per gli appassionati di elettronica da utilizzare per collegare rapidamente i dispositivi ad internet e controllarli online.

La board proposta da IBM e ARM un kit per l'Internet delle Cose che permetterà a tutti (o quasi) di realizzare smart gadget e piccole invenzioni connesse
La board proposta da IBM e ARM un kit per l’Internet delle Cose che permetterà a tutti (o quasi) di realizzare smart gadget e piccole invenzioni connesse

ARM sta inoltre finanziando programmi nelle università, come l’University College di Londra per gli sviluppatori per imparare a programmare  i prodotti basati su architettura ARM.

Via