appleApple Inc è stata condannata a pagare 532,9 milioni dollari dopo che una giuria federale in Texas ha scoperto che il suo software iTunes ha violato tre brevetti di proprietà di una società di licenziataria di brevetti SmartFlash LLC.

La giuria, che ha deliberato per otto ore, determinata Apple non solo aveva utilizzato i brevetti di SmartFlash senza permesso, ma lo ha fatto volontariamente.

Nella sua difesa, Apple aveva ha cercato di supportare la tesi che i brevetti in questione non erano validi, ma il tribunale ha deciso in favore della SmartFlash. L’azienda querelante aveva chiesto 852 milioni di dollari, ma la giuria ne ha riconosciuti soltanto 533.

Apple, che ha detto che avrebbe presentato ricorso, ha detto che il risultato della sentenza evidenzia come sia necessaria una riforma nel sistema dei brevetti per limitare il contenzioso da parte delle imprese che non fanno gli stessi  prodotti.

Ci siamo rifiutati di pagare questa azienda per il rispetto di tutte  le idee dei nostri dipendenti che hanno trascorso anni ad innovare e purtroppo non ci è  stata lasciata altra scelta che combattere questa lotta attraverso il sistema giudiziario”, ha detto Apple in un comunicato.

SmartFlash ha citato in giudizio Apple nel maggio 2013, relativamente al suo software iTunes che ha violato i suoi brevetti riguardante una tecnologia per la memorizzazione dei dati e l’accesso agli stessi attraverso sistemi di pagamento sfruttati dalle applicazioni. Tale tecnologia sarebbe stata usata da Apple in iTunes, e gestita anche dai vari sviluppatori dell’App Store.

“SmartFlash è molto felice del verdetto della giuria, che riconosce un lungo periodo di violazione intenzionale di Apple,”  ha detto in una e-mail,  Brad Caldwell, un avvocato di SmartFlash.

Il processo si è svolto a Tyler, che negli ultimi dieci anni è diventato un punto di riferimento per i contenziosi in materia di brevetti, ed è anche la  sede di SmartFlash.

Secondo la difesa della società  di Cupertino guidata da Tim Cook, i brevetti in questione non erano riferibili in termini di risarcimento all’ uso che si faceva attraverso iPhone, non erano il motivo per il quale la gente lo acquistava: “Gli utenti non comprano gli smartphone  per il solo scopo di utilizzare le applicazioni“: una tesi che non ha convinto il tribunale, determinato a riconoscere a Smartflash le sue royalty.

SmartFlash ha anche intenzione a fare causa per la violazione di brevetti la Samsung Electronics Co Ltd, HTC Corp e Google Inc.

Via