Google collabora con 3 Operatori per la lotta a Apple Pay

Con l’obiettivo di minare ultimo servizio di successo di Apple, Google sta collaborando con tre principali carrier  statunitensi per spingere sempre più persone ad utilizzare il suo mobile Wallet.

Il contrattacco annunciato Lunedi è soltanto l’ultimo esempio di come la concorrenza tra Google Inc. e Apple Inc. si sta estendendo oltre i confini settoriali tradizionali dell’industria tecnologica.

Oltre al settore dei pagamenti, le due società più ricche della Silicon Valley si stanno espandendo in campi come elettrodomestici e automobili per aumentare il loro potere e i profitti.

Google : colpisce l’accordo con gli operatori telefonici per i pagamenti in mobile.

Come parte della’accordo,tra  AT & T  , Verizon, T-Mobile e big “G” ci sarà quello di preinstallare l’applicazione Wallet sui telefoni Android venduti negli Stati Uniti iniziando dopo quest’anno. E Google acquisirà la “tecnologia e la proprietà intellettuale” da SoftCard, un servizio di pagamenti avviato dai tre operatori, per contribuire a migliorare Wallet. Possessori di smartphone possono attualmente scaricare il servizio, chiamato Google Wallet, e installare l’applicazione sul proprio telefono se vogliono usarlo per comprare qualcosa invece di tirare fuori contanti o carta di credito.

Servizio rivale di Apple, Apple Pay, già viene incorporato nelle ultime versioni del software mobile dell’azienda di Cupertino.

Oltre a cercare di rendere più conveniente usare Wallet, Google spera anche di migliorarlo dopo quasi 4 anni di servizio. A questo scopo, Google Inc. sta acquistando una tecnologia di pagamento mobile e brevetti da SoftCard, una venture capital che ha  5 anni di vita di proprietà dei carrier suddetti, i termini finanziari non sono stati divulgati.

Anche se Google e gli operatori  hanno ottenuto un vantaggio con il loro digital Wallet, il servizio non aveva guadagnato molta attrattiva fino a quando Apple Pay non ha debuttato lo scorso autunno.

Il Wall Street Journal ha riferito la scorsa settimana che Google è in trattative con i tre operatori per installare Google Wallet e di acquistare SoftCard, nel tentativo di tenere il passo con il  servizio Pay di Apple 

Il servizio è diventato più popolare di quanto Apple prevedeva, secondo una recente presentazione del CEO Tim Cook .

Solo tre mesi dopo il debutto di novembre di Apple Pay, Cook ha detto che il servizio ha rappresentato per due su tre dollari spesi nelle tre principali reti di carte degli Stati Uniti,  nessuna carta  è stata utilizzata quanto la soluzione apple. Circa 2.000 banche e cooperative di credito hanno deciso di offrire l’Apple Pay ai loro clienti. Apple non ha detto come molti commercianti sono organizzati per gestire i propri servizi di pagamento mobile.

Leggi anche:  Google vuole aggiungere l'Always-on Display di Samsung in Android 9 Pie

Se Apple sfrutta lo slancio iniziale per la sua modalità di pagamento, la società potrebbe diventare il leader in quello che dovrebbe essere un mercato in forte espansione. Quasi 16 milioni di consumatori statunitensi hanno speso circa 3,5 miliardi dollari sui servizi tap-and-pay scorso anno, secondo la società di ricerca eMarketer. Entro il 2018, eMarketer prevede queste cifre saliranno a 57 milioni di consumatori americani che spenderanno circa 118 miliardi dollari.

Le aziende che forniscono mobile Wallet fanno soldi attraverso la raccolta di commissioni di gestione da commercianti e le banche.

Samsung Electronics, un altro importante produttore di smartphone, potrebbe essere pronto a gettarsi nella mischia dopo l’acquisto di una start-up  per il pagamento mobile chiamato LoopPay. L’affare, annunciato la scorsa settimana, ha alimentato la speculazione che Samsung prevede un digital Wallet sul prossimo telefono top di gamma galaxy S6.

La popolarità di Apple Pay probabilmente ha contribuito a forgiare l’improbabile alleanza tra Google e gli operatori telefonici statunitensi. Google tradizionalmente ha avuto un rapporto spinoso con gli operatori, in gran parte perché non crede che sia stato fatto abbastanza per migliorare le reti telefoniche e renderle meno costose, in modo che più persone possano trascorrere più tempo online. I rapporti dei media dicono che Google sta pensando di vendere i propri piani tariffari per i consumatori diventando un operatore telefonico.

Da parte loro, gli operatori telefonici hanno un incentivo maggiore a  collaborare con Google, perché non ottengono entrate da Apple Pay in quanto non sono state coinvolte nel sistema di pagamento della mela, secondo fonti vicine alla vicenda.  Agli operatori, big “G” avrebbe offerto del denaro per mettere in evidenza la funzione Wallet  sui telefonini con il loro brand, e avrebbe messo nell’accordo anche una fetta maggiore di ricavi legati alle ricerche sul motore Google fatte dal cellulare.

La pre-installazione delle app Wallet è simile a quello che Google fa già con il suo motore di ricerca, con Gmail e YouTube su milioni di altri telefoni che eseguono Android – un sistema operativo che Google sta rilasciando da anni al fine di garantire alla gente continuità di fruizione in mobilità dei propri prodotti su dispositivi mobili; Google ottiene profitti dal traffico mostrando annunci.

Via