samsung galaxy

Sul Samsung Galaxy S6 non sarà montato il processore Snapdragon 810, è la stessa Qualcomm a dirlo, anche se in maniera velata, adducendo alla perdita di un grosso cliente che porterà la diminuzione degli introiti nel 2015.

I rumors in rete sono ormai tanti da quando dall’azienda sudcoreana Samsung è arrivata, in maniera non ufficiale, che sulGalaxy S6, che sarà presentato il 2 marzo a Barcellona, non sarà presente il chip di Qualcomm, lo Snapdragon 810 per via di problemi di surriscaldamento dello stesso. Avevamo già parlato della questione in un precedente articolo dove però non erano ancora state prese in considerazione le dichiarazioni del produttore di chip americano.

samsung qualcomm

Le parole del CEO di Qualcomm Steve Mollenkopf, in un’intervista rilasciata a re/code, sono abbastanza inequivocabili in riferimento al calo di utili che l’azienda attende per questo primo trimestre del 2015: ” lo Snapdragon 810 sta ottenendo buoni risultati nonostante sia stato abbandonato da un cliente chiave”. Il riferimento è velato seppur sempre palese, il cliente chiave non può che essere Samsung visto che tutti gli altri hanno continuato a montare il chip incriminato di surriscaldamento cioè lo Snapdragon 810.

Leggi anche:  Android compie 10 anni, ecco l'evoluzione del sistema operativo di Google

Infatti i due principali produttori che hanno inserito il SoC sui propri device sono LG sul G Flex 2, già in vendita, e l’altro è Xiaomi che doterà il nuovo Mi Note Pro del nuovo processore octacore di Qualcomm. Lo Snapdragon 810 è il primo processore octa core di Qualcomm che ha, in effetti, avuto non pochi problemi nella sua realizzazione ed è o è stato affetto dal problema del surriscaldamento.

Samsung forte di questa problematica ha pensato di dotare il nuovo top di gamma di casa del processore Exynos serie 7 anch’esso octa-core, ma realizzato su una base di esperienza maggiore di Qualcomm in quanto già dal Galaxy S4, nella versione destinata al mercato orientale, Samsung ha dotato il dispositivo di un processore octa-core Exynos della serie 5. In questo modo l’azienda sudcoreana potrà entrare di prepotenza in un altro segmento di mercato redditizio.