password
password: le più utilizzate

Password, come ogni parola ha un preciso significato e, spesso, anche più di uno proprio come in questo caso perché oltre a indicare letteralmente la “parola d’ordine” che utilizziamo per i nostri account è tra le più utilizzate, posizionandosi al secondo posto, tra le password nel 2014.

Come ogni anno SplashData ha fornito la classifica delle password più utilizzate nel 2014 e tra le prime 25 è presente proprio la parola Password con una dimostrazione di grande fantasia degli abitanti di nord America ed Europa occidentale dove è stata condotta la ricerca su oltre 3,3 milioni di utenti.

Password: le più utilizzate nel 2014.

password

Ai primi posti troviamo due sequenze di numeri 123456 e 12345, primo e terzo posto rispettivamente, al quarto la parola qwerty e al quinto un altro numero, 12345678. Nella classifica poi non mancano nomi propri e quelli di supereroi come batman e superman o di sport come baseball e football.

“Password deboli rappresentano un problematico errore di sicurezza, soprattutto quando vengono usate per diversi siti web o quando vengono usate per la mail” ha dichiarato il Chief Executive di SplashData, Morgan Slain.

Leggi anche:  Indagato un ragazzo italiano di 25 anni per aver hackerato il sito della NASA nel 2013

Nell’era digitale in cui ci troviamo bisognerebbe sapere che la password è qualcosa di molto importante e che la sua realizzazione deve essere ragionata e resa molto complicata da trovare, però è anche vero che proprio a causa della invadenza con cui è presente nelle nostre vite internet, il web e ogni gadget possibile e immaginabile collegato alla rete il numero di account che ognuno di noi ha o attiva ogni giorno è spropositato e quindi ricordare per ognuno una password diversa è impossibile a meno che non ci chiamiamo Pico della Mirandola famoso per la sua memoria da elefante.

Allora come fare per creare password complicate, ma soprattutto come ricordarle? L’unica soluzione è scriverle e tenere il file o il foglio (se amate ancora utilizzare carta e penna) in un luogo sicuro e non collegato a nessuna rete con accesso ad internet.