samsung

Samsung acquista BlackBerry per 7,5 miliardi di dollari, queste le voci che si sono rincorse questa notte che hanno fatto salire le azioni della società canadese.

Voci prontamente smentite e che hanno fatto crollare il titolo, ma la situazione sembra ormai delineata e non è nemmeno tanto assurda o lontana dalla realtà.

Samsung compra BlackBerry.

samsung

BlackBerry ha rischiato la bancarotta due anni fa poi scampata per un pelo e Samsung non sta attraversando un periodo florido con un 7,7% di quota di mercato perso nel 2014. Per cui l’acquisizione di BlackBerry da parte di Samsung porterebbe all’azienda coreana una ventata d’aria fresca grazie ai 44.000 brevetti che BlackBerry porta in dote e numerosi dei quali ottenuti nel 2014 proprio in previsione della cessione dell’azienda.

Con l’acquisizione di BlackBerry, Samsung avrebbe accesso ad un Know-how che le permetterebbe di entrare in modo prepotente nel mondo business, cosa che cerca di fare da anni con l’introduzione di Knox, ma che non è mai riuscita in pieno. Ma non solo, da poco l’azienda sudcoreana ha mandato in pensione Chat On e mettere le mani su BBM sarebbe un’altra soluzione dai risvolti positivi sia in ambito aziendale che privato.

Leggi anche:  Galaxy S7 Edge si spegne e poi va a fuoco: Samsung regala al proprietario un Galaxy S9

Poi avrebbero, ancora, modo di mettere le mani su progetti per sviluppare tecnologia indossabile, videochiamate e ambienti operativi per dispositivi mobili. Dopo il mezzo flop del Galaxy S5 e il poco apprezzato Tizen sugli Smart TV presentati al CES di Las Vegas, Samsung si sta muovendo nella direzione giusta per tornare in auge e potrebbe già ricevere una grande spinta con la presentazione, a marzo, del Galaxy S6 con una interfaccia alleggerita e Lollipop fluida come quella dei Nexus.

Anche se da entrambe le aziende interessate sono arrivate prontamente le smentite su accordi di acquisizione è chiaro che qualcosa si sta muovendo e che tutto avverrà in breve tempo a meno che Samsung non si voglia farsi sfuggire un occasione d’oro.

 via