Nexus 9

Il Nexus 9 è il primo dispositivo a montare la versione ufficiale di Android 5.0 Lollipop, con un processore a 64bit e con un display con risoluzione QHD.

Con il Nexus 9, Google ha cambiato rotta rispetto ai primi tablet Nexus sia per il form factor in 4:3 sia per la dotazione hardware da top di gamma che ha fatto salire il prezzo del dispositivo.

Durante l’unboxing abbiamo visto che il contenuto della confezione invece è rimasta quella, molto scarna, tipica dei Nexus; abbiamo visto anche dimensioni e peso che, data la dimensione del display, si “sentono” molto velocemente quando lo si utilizza.

nexus 9

Estetica, materiali e display.

Come detto le dimensioni sono importanti e la differenza con il Nexus 7 è netta. Se siete abituati alla maneggevolezza e leggerezza di un tablet da 7 pollici ci metterete un po’ ad abituarvi al Nexus 9 che è molto complicato anche solo tenere in una mano.

La struttura è realizzata in metallo spazzolato, la cover posteriore in morbida plastica che offre un leggero grip all’impugnatura anche se minore rispetto agli altri dispositivi Nexus, sia tablet che smartphone. Il tablet ha una leggera curva che dovrebbe aiutare ad impugnarlo anche se farlo resta complicato con una sola mano.

Nexus 9

Nella parte anteriore troviamo due speaker HTC Boomsound che rendono molto più piacevole l’esperienza di gioco e la visione di un film o ascoltare la vostra musica preferita. Il suono è pulito e potente senza mai risultare distorto anche con il volume al massimo. Troviamo, ancora, una fotocamera da 1,6 Mp che realizza video in HD a 720p e, naturalmente, il display IPD LCD da 8,9 pollici QXGA con risoluzione di 2048 x 1536 pixel protetto da un Corning Gorilla Glass 3.

Sul Nexus 9 è stata implementata la funzione di doppio tocco per il risveglio del dispositivo, comoda visto che il tasto di accensione/spegnimento non si trova facilmente e lo si confonde con quello del volume.

Nella parte posteriore è collocata la fotocamera, migliorata rispetto al modello precedente, da 8Mp con flash a LED.

nexus 9

Nella parte posteriore la cover non aderisce perfettamente al tablet e nella parte centrale abbiamo riscontrato la presenza di un’intercapedine che permette di premere sulla cover schiacciandola. Non è che sia un problema, però dimostra una certa “distrazione” nella fase costruttiva da parte di HTC, per il resto il Nexus 9 è molto solido e non presenta nessun altro difetto.

Hardware e software.

Certamente questo è il comparto più innovativo del Nexus 9 non solo per la presenza di Android 5.0 Lollipop, ma anche per il processore con architettura a 64bit.

Il Nexus 9 è dotato di un processore NVIDIA Tegra K1 dual core da 2,3 GHz, GPU Kepler DX1 a 192 core con spiccate caratteristiche gaming, 2GB di RAM e 16GB di memoria interna di cui 11,05 GB a disposizione dell’utente senza possibilità di poter espandere la memoria. È disponibile anche la versione da 32GB con conseguente aumento del prezzo.

nexus 9

La versione Android 5.0 Lollipop è una vera rivoluzione sotto molti aspetti a partire dalla grafica con il Material Design, al supporto ad architetture a 64bit, alla crittografia per una maggiore sicurezza, al multiutente, al risveglio con doppio tocco e tanto altro ancora di cui abbiamo parlato tanto e di certo parleremo ancora tanto. Difficile e anche poco pratico elencare tutto nella recensione del Nexus 9 in quanto occorre una recensione a parte solo per il sistema operativo. Segnalo che oltre le solite Google Apps è stato dato risalto in particolare ai fogli di lavoro (li si trova in una cartella direttamente all’avvio) anche se con Microsoft Office gratis credo saranno presto sostituite.

nexus 9

Al momento tutto sembra girare in modo perfetto anche se non posso esprimermi in modo definitivo visto quanto abbiamo appreso sulle problematiche software riscontrate da Lollipop e per le quali dovrebbe arrivare un aggiornamento; infatti, sempre restando nel campo delle ipotesi (durante la stesura dell’articolo), sembra che la versione di Android 5.0 Lollipop del Nexus 9 non sia quella definitiva.

nexus 9

Il tutto è alimentato da una batteria da 6700 mAh che ha avuto una durata di circa 17 ore con un utilizzo medio-intenso in cui non ho riscontrato problemi di battery drain. Una durata che ci può stare vista la risoluzione del display e il costante utilizzo dei due core del processore.

Leggi anche:  Google Pixel Slate: il nuovo tablet con sistema Chrome OS

nexus 9

Fotocamera e multimedialità.

Anche se si tratta di un tablet, il Nexus 9 è dotato di una doppia fotocamera, migliorata rispetto a quella presente sul Nexus 7 e di cui mantiene la stessa interfaccia scarna. Le immagini scattate con la fotocamera posteriore del Nexus 9 hanno una dimensione di 3264 x 2448 pixel ed è in grado di registrare video in FullHD. Quella anteriore consente la registrazione di video in HD al massimo.

Tra le possibili modalità di scatto troviamo Photo Sphere, Panoramica, Sfocatura obiettivo, Fotocamera e video; tra le impostazioni è possibile modificare la risoluzione e la qualità delle immagini e dei video e accedere alle impostazioni avanzate in cui si può attivare l’esposizione manuale.

Nexus 9

Le immagini zoomate sono molto rumorose anche se meno rispetto al tablet dello scorso anno, meglio le macro; riscontrati analoghi problemi anche con la registrazione dei video che, però, consentono la registrazione di un ottimo audio.

Prova fotografica:

[alpine-phototile-for-picasa-and-google-plus src=”user_album” uid=”110848107923548095330″ ualb=”6078998887426162257″ imgl=”fancybox” style=”gallery” row=”4″ grwidth=”800″ grheight=”600″ size=”320″ num=”9″ align=”center” max=”100″]

Prova video in FullHD:

Gli standard audio e video (MP4/H.263/H.264) permettono di utilizzare tutti i maggiori formati disponibili per al riproduzione, nessun problema nel riprodurre alcun tipo di file con un ottimo audio grazie ai due speaker frontali.

Connettività, rete e browser.

La versione che abbiamo provato è quella wifi, è disponibile anche quella LTE. Il Wi-Fi è 802.11 a/b/g/n/ac, Wi-Fi Direct, Wi-Fi hotspot, DLNA, Bluetooth 4.1 con A2DP, Micro USB 2.0, A-GPS/GLONASS, NFC, GPRS. Connettività EDGE, UMTS, HSDPA, HSUPA, HSPA+, LTE. Presenti accelerometro, sensore di prossimità e luminosità, Giroscopio e bussola.

Il browser web è Chrome che permette la sincronizzazione del proprio account, la visualizzazione desktop e una buona velocità di apertura delle pagine web, ottimo lo scrolling anche se è presente (come sempre) un leggero ritardo nel rendering della pagina.

nexus 9

Una menzione a parte merita la tastiera che ha avuto non solo un restyling completo, ma è migliorata tantissimo rispetto alla sua versione precedente; ora la tastiera è tra le migliori mai provate anche se mancano i tasti in prima funzione, una caratteristica che trovo particolarmente utile e che su un tablet da 9 pollici non doveva mancare.

nexus 9

PREZZO:

[wp_search_xml_best_price keywords=”Nexus 9″]

Conclusioni.

La recensione del Nexus 9 è stata solo una panoramica sul hardware e software del device in quanto una sua analisi completa non può risolversi in un solo articolo, nei prossimi giorni e nelle prossime settimane avremo modo di analizzare ogni suo dettaglio.

Il nostro intento al momento è quello di fornirvi una prima impressione a caldo nel più breve tempo possibile per aiutarvi a decidere sull’eventuale acquisto o semplicemente per farvi conoscere meglio il nuovo tablet di Google.

La prima osservazione sul Nexus 9 riguarda l’estetica e le dimensioni che mi hanno lasciato dubbioso su alcuni aspetti, questi sono il peso e il form factor in 4:3. Il peso si sente anche utilizzandolo poco e il rapporto delle dimensioni è, forse, eccessivo. L’idea alla base del Nexus 7 e che ne ha fatto la fortuna sono le dimensioni e un prezzo contenuto, con il Nexus 9 questo concetto viene completamente ribaltato.

La fotocamera pur migliorando è ancora lontana dal realizzare immagini di qualità e su un tablet di queste dimensioni non ha nemmeno molto senso montare una fotocamera.

Per il resto non c’è che dire, il Nexus 9 è veloce e fluido, le animazioni di apertura e chiusura di applicazioni e drawer sono fulminee, non scalda molto a meno che non stiate giocando e i 192 core della GPU non entrino in funzione, in tal caso sono d’obbligo dei guanti ignifughi.

Probabilmente molte cose vanno ancora sistemate e nei prossimi giorni potrebbe arrivare un OTA che va a risolvere questi problemi.