windows 10

Windows 10 è stato presentato ieri dopo settimane di attesa e di indiscrezioni trapelate con immagini e video del nuovo sistema operativo di Redmond.

Da oggi primo ottobre è già disponibile la Technical Preview che è ancora una versione troppo acerba per poterla utilizzare tutti i giorni, Windows 10 arriverà per tutti a partire dalla prima metà del 2015.

Dopo anni altalenanti tra versioni che non hanno soddisfatto completamente gli utenti e altre che hanno convinto di più anche se non in modo totale da Microsoft ci si aspettava un cambiamento radicale, se questo è avvenuto è ancora presto per dirlo dovremo aspettare qualche altro mese per poter dare un giudizio definitivo, ma qualche considerazione la si può certamente fare.

L’interfaccia Metro non è piaciuta, questo a Redmond lo hanno capito visto che con Windows 10 è stata molto ridimensionata anche se ancora presente. È ancora presente perché Windows 10 è stato concepito (ci stavano lavorando da anni) per essere un sistema operativo unico per qualunque dispositivo, dalla Xbox al server aziendale, passando da smartphone e PC. Questo cambiamento si è voluto mostrarlo anche nella scelta del nome saltando direttamente alla versione 10 a dimostrare di voler dare un taglio netto con il passato.

Microsoft ha realizzato un software in grado di semplificare molto la vita degli sviluppatori che ora potranno realizzare applicazioni che saranno disponibili in un unico store e accessibili ai possessori di qualunque device con installato Windows 10.

L’interfaccia desktop sarà diversa da quella dei tablet e negli ibridi il sistema riconoscerà se sta girando su un tablet o sulla versione con tastiera in quella che da Microsoft viene definita continuum, il seguente video mostra come staccando il display dalla tastiera si passi all’interfaccia con le classiche tiles per poi tornare a quella desktop inserendo nuovamente la tastiera.

The Start button has come back, potrebbe essere il titolo del sequel di un colossal cinematografico. Il pulsante start è tornato, non è mai stato chiaro il motivo del suo abbandono, ma sappiamo perché è tornato, per acclamazione popolare. Ora presenta una stringa per la ricerca globale, i programmi più utilizzati e ancora le solite mattonelle che possono essere ridimensionate spostate e modificate a nostro piacere.

Le app ora si apriranno in finestra con la possibilità di poterle ridimensionare, ridurle a icona, chiuderle. Migliorata anche la funzionalità Snap, quella che consente di affiancare due applicazioni, con Windows 10 sarà possibile farlo fino a quattro app.

Migliorato anche il multitasking che ora consente di poter avere più desktop su cui lavorare in modo da distinguere il lavoro che si fa su uno da quello che si fa sull’altro oppure utilizzarne uno per il lavoro e l’altro per il proprio piacere e svago. In Windows 10 è stato anche realizzato un tasto Task View che consente di visualizzare tutte le applicazioni in una schermata, una sorta di task manager come abbiamo su Android.

Potete vedere queste nuove caratteristiche nel video seguente:

Davvero un gran lavoro quello di Microsoft per portare dei miglioramenti in questa nuova versione di Windows non c’è che dire, ma in molti lamentano ancora la presenza delle odiate “mattonelle” nella versione desktop. Ormai è innegabile che la versione mobile del software è stata adattata a quella desktop e non il contrario come, forse, dovrebbe essere anche se vorrei vedere poi come Windows 10 sarà implementato su smartphone e tablet dove non mi sembra ci sia stata questa grande rivoluzione, a quanto visto nel primo video, in alto, di questo articolo.

Anche l’aspetto delle finestre delle app è molto “mobile” che non sembra essere molto efficiente in ambito lavorativo. Visto che con Windows 10, Microsoft punta molto sulle aziende è qualcosa da tenere in conto.

In conclusione devo dire che alcuni aspetti di questo nuovo Windows 10 mi hanno convinto mentre altri molto meno, per fare un esempio le tiles nel menù del tasto start, spero si possa decidere di non visualizzarle.

Voi cosa ne dite per ora del nuovo Windows 10, diteci la vostra nei commenti.