Schermata 2014-09-25 alle 12.44.48

Il Samsung Galaxy Note Edge, la versione ‘speciale’ dell’ultimissimo Galaxy Note 4 (con schermo curvo), non è stato accolto nel migliore dei modi dalla critica. Dopo essere stato accusato di difficoltà nell’utilizzo da parte dei mancini e di un prezzo troppo elevato, la maggior parte di noi ha iniziato a vedere nel Galaxy Note Edge, un phablet creato solo ed esclusivamente per fare scalpore, piuttosto che molto utile. Nonostante questo, secondo i primi benchmark della versione con Exynos, le prestazioni del nuovo smartphone sono davvero strabilianti.

Secondo i primi test benchmark effettuati dal noto portale PhoneArena, il confronto tra un Galaxy Note 4 con Snapdragon 805, un Galaxy Note Edge con Exynos ed un Galaxy Note 3 con Snapdragon 800 è stato a dir poco impari. Il Galaxy Note Edge ha effettivamente dominato sotto qualsiasi aspetto, totalizzando oltre 47’000 punti su AnTuTu.

Il processore Exynos 5433, per chi non lo sapesse, è l’ultimo componente realizzato da Samsung, un octa-core con configurazione ARM big.LITTLE ed una GPU Mali-T670. Nella maggior parte dei dispositivi che vedremo in commercio (sebbene si pensi sia una limited edition), molto probabilmente, il processore installato sarà l’ultimo Snapdragon 805 (lo stesso del Galaxy Note 4 per intenderci), ma questo non deve ingannarci: Samsung ha raggiunto risultati davvero strabilianti con l’ultimo Exynos, ma Qualcomm sta ritoccando gli ultimi aspetti per fare lo stesso anche con i propri Snapdragon.

Al momento non è ancora chiaro se il Galaxy Note Edge arriverà anche in Italia, ma una cosa è certa: se lo acquisterete, difficilmente ne resterete delusi (parlando di prestazioni almeno).

via