Samsung Gear Fit

Il Samsung Gear Fit è il primo bracciale da fitness della nota azienda sudcoreana, progettato per rivoluzionare il modo in cui ci si allena e per migliorare in generale il proprio stile di vita. Dispone di diverse funzioni sia da tipico fitness tracker che da smartwatch, ed è per tale motivo che va a competere non solo con altri smartband come il FitBit o il Jawbone ma anche con Pebble e il Sony SmartWatch 2, per citare degli esempi. Vediamo una guida all’uso del Samsung Gear Fit, così da sfruttarne al meglio le caratteristiche.

Primi passi: accensione e configurazione del Gear Fit

Per accendere il Samsung Gear Fit per la prima volta, è sufficiente premere per qualche secondo l’unico tasto fisico presente alla destra dello schermo, e seguire le istruzioni. Il sistema inviterà infatti a scaricare e installare Gear Fit Manager, un’applicazione indispensabile per connettere il bracciale allo smartphone. Bisogna indossare il Gear Fit sul polso in modo che il tasto sia rivolto verso la mano.

Dopo aver scaricato e installato l’app Gear Fit Manager dallo store Samsung Apps, bisogna prendere lo smartphone, attivare il Bluetooth e selezionare il dispositivo e associarlo. A questo punto saremo pronti per usare il nostro smartband.

Come accedere alle funzioni

Le applicazioni disponibili sul Gear Fit sono selezionabili dalla schermata principale del braccialetto stesso, e sono dunque tutte a portata di dito. Si trovano diverse macroaree nel menu principale:

  • contapassi, esercizio e frequenza cardiaca, che con la pressione di un semplice tasto permettono rispettivamente di contare i passi effettuati quotidianamente, di misurare l’esercizio svolto e le calorie bruciate, e di monitorare i battiti cardiaci;
  • notifiche: per restare aggiornati su messaggi ricevuti sul telefono, chiamate telefoniche ed email;
  • Controller multim. utile a riprodurre i brani musicali memorizzati sullo smartphone connesso;
  • impostazioni, per impostare elementi come ad esempio lo sfondo dell’orologio, il display e il Bluetooth;
  • timer, per fare il conto alla rovescia;
  • cronometro;
  • trova dispositivo, che permette di trovare il dispositivo connesso via Bluetooth.

Come usare le notifiche

Quando il Gear Fit è connesso a uno smartphone può ricevere le chiamate telefoniche, mostrate direttamente sul display del piccolo bracciale. Per rifiutare una chiamata basta scegliere l’apposito tasto touch rosso, ed è possibile anche premere l’icona dei messaggi per inviare a chi ci sta chiamando un messaggio automatico. Non è possibile usare il Gear Fit per avviare chiamate, ma solo per riceverle.

Per quanto riguarda le notifiche, è invece possibile archiviare sul device un massimo di 100 notifiche; quando il Fit raggiungerà il limite massimo provvederà a cancellarle automaticamente. Le notifiche appaiono automaticamente sullo schermo una volta ricevute, ma è anche possibile consultarle successivamente. In questo caso basta scegliere “Notifiche” dalla schermata principale e selezionare quella desiderata per visualizzarne il contenuto.

Come misurare i battiti cardiaci col Gear Fit

Misurare la frequenza cardiaca tramite il Samsung Gear Fit è estremamente semplice e alla portata di tutti: bisogna indossare il bracciale sul polso (indifferente se con il display rivolto verso sopra o sotto), a diretto contatto con la pelle, senza tuttavia stringere troppo il cinturino. Meglio stare seduti e rilassati: a questo punto si potrà avviare la specifica funzione “Frequenza cardiaca” dal menu, e in pochi passi sarà possibile vedere quanto batte il proprio cuore.

Leggi anche:  Google rinnova l'interfaccia dei suoi smartwatch Wear OS rendendoli esclusivi

Come usare la funzione Riposo, per il sonno

La funzione Riposo del Gear Fit permette di monitorare la qualità del sonno e di registrare quanto davvero si dorme, in base ai movimenti eseguiti dal corpo quando si è a letto. Per utilizzarla è sufficiente selezionare “Riposo” dal menu principale e premere il pulsante “Avvia” quando ci si mette a letto e premere nuovamente il tasto quando poi ci si sveglia. Per visualizzare le precedenti ore di sonno, bisogna effettuare uno scroll col dito verso sinistra e scegliere “Cronologia”.

Le funzioni del Gear Fit per il fitness

Il Gear Fit include innanzitutto un contapassi che consente di conteggiarli, di visualizzare la distanza percorsa in totale durante l’arco di una giornata, e le calorie bruciate. Basta scegliere “Contapassi” nel menu e premere “Avvia”; come per la funzione precedente, effettuando uno scroll verso sinistra sarà possibile visualizzare la cronologia dei passi conteggiati in totale, nonché di impostare degli obiettivi.

L’altra funzione per il fitness è dedicata agli esercizi fisici, nello specifico a pianificare una routine d’allenamento, dieta e obiettivi per le calorie. Per usarla è sufficiente scegliere “Esercizio” dal menu, scegliere il tipo di esercizio che si sta per svolgere – corsa, camminata, ciclismo ed escursioni – e premere il tasto “Avvia”. Effettuando invece uno scroll verso sinistra si vedrà anche in questo caso la cronologia.

Posso usare il Gear Fit sott’acqua?

Il nuovo braccialetto di Samsung è resistente all’acqua e alla polvere, ma per non rischiare danni è bene non immergerlo oltre 1 metro di profondità e per un tempo superiore ai 30 minuti. Il Gear Fit non va tuttavia esposto ad acqua salata, ionizzata o saponata.

Come ricaricare la batteria del Gear Fit

Samsung ha realizzato un Gear Fit dalle dimensioni estremamente contenute e per risparmiare spazio ha eliminato lo slot micro-USB per la ricarica. Se dunque la batteria del bracciale è scarica, come fare a ricaricarla? Nella confezione è incluso un piccolo dispositivo di aggancio che va collegato alla parte inferiore del Fit, ovvero a quella a stretto contatto con il polso. Questo piccolo addon è infatti progettato per dotare il bracciale di una porta micro-USB, che andrà dunque connessa all’alimentatore.