facebook_privacy_occhio

 

Qualsiasi modifica a Facebook, finisce sempre per preoccupare notevolmente gli utenti interessati alla propria privacy, che però ora la vedranno diminuire inevitabilmente.

In un altro sforzo per migliorare l’esperienza dei propri utenti sul social network, Facebook ha deciso infatti di eliminare una vecchia opzione relativa alla privacy  che permetteva ad ogni utente di rendersi invisibile agli altri, durante la ricerca. 

La vecchia impostazione di privacy chiamata “Chi può cercare il tuo Diario per nome?” risultava essere molto utile poichè dava agli utenti la possibilità di non apparire nei risultati di ricerca di Facebook. Secondo il Chief Privacy Officer di Facebook, Michael Richter, però questa funzione portava anche molti problemi poichè le persone avevano difficoltà a trovare qualcuno che aveva scelto di non apparire nei risultati di ricerca. Per questo motivo Facebook ha deciso di eliminare questa preziosa opzione di privacy, rendendo così i profili di tutti gli utenti accessibili tramite la barra di ricerca.

Leggi anche:  Facebook: sono già 400 le applicazioni vietate sul social network

E’ inutile dirlo, sono subito sorte numerose polemiche riguardo a questa decisione. Infatti la barra di ricerca non rappresentava comunque l’unico modo per trovare le persone su Facebook, che possono comunque accedere ad un profilo cliccando sul nome, per esempio quando la persona in questione mette Mi piace o commenta un post di qualcun altro oppure cercando per zona. 

Facebook assicura che, comunque, sarà sempre possibile bloccare qualcuno in particolare, per impedire che possa visualizzare il proprio profilo. Ma gli utenti sono comunque contrariati dall’ennesima decisione di Facebook, che tanto finge di essere interessata alla privacy degli utenti ma, alla fine, dimostra proprio il contrario.

[Via]