Apple-iTV-Analyst Report

Apple si sa è al momento una delle maggiori multinazionali al mondo anche se da qualche tempo, e sopratutto dopo la morte di Steve Jobs, gli investitori sono pò perplessi sulla futura crescita dell’azienda. La casa della mela ha quindi deciso di utilizzare una nuova strategia per stimolare gli investitori, vediamo i dettagli

Tramite una comunicazione ufficiale l’azienda di Cupertino ha condizionato i compensi dei propri dirigenti, Tim Cook in primis, ai risultati ottenuti in borsa. Sicuramente una mossa molto intelligente visto che al tempo stesso si stimoleranno gli investitori a puntare e a credere ancora sull’azienda e allo stesso tempo anche i dirigenti oggetto della modifica dovranno darsi da fare in modo da non veder calare drasticamente i guadagni e la propria reputazione dirigenziale.

“Nota tecnica

Il calcolo per tutti, Cook compreso, sarà annuale e legato al TSR (Total Shareholder Return) ovvero il il tasso di rendimento annuo per un investitore che decide di acquistare un’azione Apple per poi rivenderla successivamente. Se il TSR di Apple figurerà nel primo terzo (fra i primi 165 circa) dell’indice S&P 500, i dirigenti riceveranno il bonus completo; se figurerà nel secondo terzo, perderanno il 25% del bonus, mentre nel caso Apple scendesse nell’ultmo terzo dell’indice, sarebbe il 50% del bonus ad andarsene.”

La variazione quindi in parole povere non lega le cariche dirigenziali alle vendite e all’andamento commerciale ma strettamente alla situazione della mela a Wall Street, dati che spesso sono stati molto contrastanti tra di loro.

Leggi anche:  Apple si arrende: niente negozi fisici della compagnia in India

I compensi saranno inoltre valutato e assegnato anno per anno e potrà essere riscosso anticipatamente anche se nel caso di un andamento negativo in borsa i dirigenti Apple potrebbero addirittura vedere dimezzato il proprio stipendio.

 

[via]