Il tribunale di Tokyo ha preso, oggi, una decisione che è andata contro il più grande produttore di smartphone al mondo, ovviamente parliamo di Samsung.

La corte ha ritenuto che l’accusa di Apple sul brevetto che riguarda l’effetto che si ha quando si scorre una pagina e si arriva in fondo e si ha una sorta di rimbalzo (bounce back) è stato violato da Samsung. La decisione del tribunale è interessante perché l’America’s USPTO ha invalidato lo stesso brevetto del bounce back in aprile.

Gli attuali modelli di Samsung sono stati modificati in questa caratteristica, ma la funzione di bounce back è ancora presente in alcuni dei vecchi modelli di Samsung.

La lotta infinita sui brevetti continua e il tribunale di ogni paese dice la sua sull’argomento. Oltre a fare male al mercato degli smartphone, credo, che possa nascere un problema a livello di brevetti in contesti anche diversi, e non solo tra Samsung ed Apple, con queste diverse interpretazioni che hanno i tribunali dei paesi in cui si svolgono queste cause. Per non parlare delle spese legali e tutte quelle ad esse annesse che queste cause comportano. Ci sarebbero modi migliori di spendere questi soldi.

Leggi anche:  Samsung potrebbe ancora essere la prima a presentare uno smartphone pieghevole

Poi secondo voi chi pagherà queste spese? Chi permette ad Apple e Samsung di poter essere delle multinazionali ultramiliardarie, cioè noi.

via