malware1

Quando si tratta dei nostri amati smartphone bisogna fare grande attenzione poichè le minacce sono sempre in agguato, come questa rappresentata da un sofisticato Trojan per Android.

E’ passato un po’ di tempo da quando abbiamo sentito parlare l’ultima volta di malware, Trojan Android, o altri virus malevoli pronti a colpire inesorabilmente i nostri device.

Purtroppo però la lista pare ora allungarsi, dal momento che è stato adesso scoperto un nuovo, potentissimo virus che colpisce il sistema operativo Android. Stando a quello che dice l’esperto di Kaspersky Lab, Roman Unuchek, il nuovo virus rappresenta “il più sofisticato” Trojan Android mai visto finora.

Questo pericoloso Trojan Android è infatti multi-funzionale, dal momento che può inviare messaggi di testo a numeri a pagamento, scaricare e installare da solo altre minacce informatiche e programmi, condividerli via Bluetooth, ed eseguire comandi nel dispositivo. Esso viene indicato come Backdoor.AndroidOS.Obad.a.

Il Trojan Android si basa su un errore di DEX2JAR. Si avvale anche di due difetti del sistema operativo Android (uno riguardante l’elaborazione del file AndroidManifest.xml, l’altro è rappresentato dal fatto di permettere di ottenere i privilegi di amministratore del dispositivo estesi, senza essere segnalati come tali).

Per il momento il virus, fortunatamente, non è molto diffuso. Ma state in guardia!

[Via]

Articolo precedenteSony Xperia ZU (Togari) più grande di un gattino? Ecco in foto il confronto delle dimensioni del display
Articolo successivo[Video-Guida] Cos’è il Tethering/Hotspot? Come attivarlo su Android?
Avatar
“Nata a Parma il 18 Settembre 1991, da piccola passavo pomeriggi interi spiando mio cugino, da dietro le spalle, mentre giocava a Nintendo e Play Station. Crescendo, son passata ad avere io il joystick in pugno, e a picchiare duro a Tekken! ;) Appassionata dalla tecnologia in generale, dopo aver spolpato il mio vecchio telefono Bada, sono definitivamente passata ad Android, grazie al mio geek-fidanzato che mi ha trasmesso il pallino del Galaxy Nexus, ora inseparabile. Dalla fusione tra passione per la tecnologia e per la scrittura, nasce la mia collaborazione per TecnoAndroid.”