Chinese abductee used Google Maps

Storia che ha dell’incredibile, rapito quando era ancora un bambino riesce a trovare la strada di casa grazie a indicazioni prese da Google Maps

Ci troviamo nel Sichuan, Cina,  Luo Gong un bambino di soli cinque anni viene rapito mentre torna dalla scuola materna e portato in  una città nel sud-est Fujian quasi 1.000 miglia di distanza.

A 23 anni di distanza il bambino, ormai uomo non ricordando il nome della città dove viveva prima del rapimento ma affidandosi alla sua memoria fotografica disegna una mappa approssimativa che pubblica su un sito che si occupa di persone smarrite.

Un utente del sito notando la foto lo collega a una notizia della città di Guangan dove una famiglia aveva perso un figlio di 23 anni fa. Utilizzando infine Luo ha individuato e identificato il quartiere dove aveva vissuto i primi anni della sua vita.

Leggi anche:  Google Maps: l'aggiornamento aggiunge nuove schede ma rimuove alcune funzioni importanti

Questo vicenda ci fa capire quindi come la tecnologia può diventare uno strumento molto importante se utilizzato nel modo corretto aiutandoci in tante problematiche, semplici o complicate che siano, che altrimenti sarebbero comunque molto più difficili da risolvere.

Ormai anche solo con uno smartphone possiamo collegarci con il mondo, e il mondo ci può rispondere.