galaxy-s44

 

Per chi non vedeva l’ora di accaparrarsi il nuovissimo Galaxy S4, per riempirlo di fantastiche applicazioni e contenuti, potrebbe trovarsi di fronte ad una brutta sorpresa per quanto riguarda la quantità di memoria occupabile.

La spiacevole scoperta è stata fatta precisamente sulla versione da 16 GB del nuovissimo Samsung Galaxy S4 che, si è trovato in realtà a non avere a disposizione tutta la memoria decantata ma solo il 45%.

Questo vuol dire che l’utente ha, dei 16 GB del Galaxy S4, soltanto 8,82 GB liberi per essere riempiti con applicazioni e contenuti.

La motivazione di tutto ciò starebbe nel fatto che il Samsung Galaxy S4 è sicuramente uno smartphone dalle funzionalità straordinarie, e di conseguenza necessita di una struttura software decisamente più pesante degli altri. Un’altra causa potrebbe essere la versione di Android eseguita, ovvero Android 4.2.2 Jelly Bean, che ha introdotto non pochi problemi, anche a livello di quantità di memoria occupata.

Una soluzione a questo fastidioso problema potrebbe dunque essere rappresentata dal prossimo aggiornamento alla versione 4.3 di Android. Fatto sta, che gli utenti che acquistano un Galaxy S4 da 16 GB sono forzatamente costretti ad utilizzare anche la micro SD poichè, di fatto, la memoria libera del device è decisamente poca.

E voi che fareste? Acquistereste una versione con più memoria, pagando un prezzo maggiore?

Articolo precedente[Download] Ludmilla: la nostra sexy assistente vocale disposta a farci “tutto”
Articolo successivoSamsung Galaxy S4 Octa-Core, vediamo cosa dicono i test benchmarks
Avatar
“Nata a Parma il 18 Settembre 1991, da piccola passavo pomeriggi interi spiando mio cugino, da dietro le spalle, mentre giocava a Nintendo e Play Station. Crescendo, son passata ad avere io il joystick in pugno, e a picchiare duro a Tekken! ;) Appassionata dalla tecnologia in generale, dopo aver spolpato il mio vecchio telefono Bada, sono definitivamente passata ad Android, grazie al mio geek-fidanzato che mi ha trasmesso il pallino del Galaxy Nexus, ora inseparabile. Dalla fusione tra passione per la tecnologia e per la scrittura, nasce la mia collaborazione per TecnoAndroid.”