Nuova immagine

 

Fino ad oggi sapevamo che il Motorola X sarebbe stato il nuovo smartphone Motorola dopo l’acquisto di Google. Tuttavia, i rumors online da un insider Motorola dicono che Motorola X sarà un marchio, simile ai Galaxy di Samsung.

Presumibilmente, questa sarà la prima lineup su cui Google avrà un’influenza diretta. Ecco perché il primo smartphone della gamma X verrà annunciato al Google I/O di quest’anno, arriverà sugli scaffali nel mese di giugno.

Lo smartphone sarà disponibile per l’acquisto tramite il Play Store di Google, oltre ai soliti negozi al dettaglio. Motorola ha riferito che sarà garantito almeno un aggiornamento completo di Android dopo che il telefono è stato acquistato e si occuperà direttamente del processo di aggiornamento.

Prendendo le dovute cautele sull’attendibilità del seguente rumor, secondo l’insider Motorola consentirà ai clienti di personalizzare il proprio Motorola X prima di acquistarlo. I clienti saranno in grado di specificare la quantità di RAM e memoria interna a loro piacere. Motorola dice di garantire la consegna dei dispositivi personalizzati in una settimana.

Leggi anche:  Xiaomi: il Pocophone F1 è stato smontato da cima a fondo con facilità

Inoltre, gli utenti potranno scegliere di avere il bootloader sbloccato e la SIM configurata per l’uso su qualsiasi carrier. La voce si spinge fino a suggerire che Motorola vi permetterà di precaricare sfondi personalizzati, suonerie, applicazioni e contatti prima che il dispositivo arrivi nelle vostre mani, molto simile al programma Get Stated di HTC.

Infine, sembra che il dispositivo sarà disponibile nel Play Store al prezzo base di 299 $. Google I/O 2013 inizia il 15 maggio quindi dovremo aspettare e vedere cosa Google e Motorola hanno in serbo per noi.

Se tutte le voci fossero confermate e la qualità degli smartphone fosse uguale o addirittura superiore a quella dei concorrenti, dovrebbero iniziare tutti a preoccuparsi. Anche se la collaborazione di Google con i marchi che utilizzano Android porta a pensarla diversamente.

Cosa vi aspettate dalla “collaborazione” GoogleMotorola?

via