Dopo aver ufficializzato di non aggiornare ad Android 4.0 ICS Desire HD, HTC è intervenuta in merito, dando alle migliaia di utenti scontenti le motivazioni ufficiali.

La scelta, secondo la casa taiwanese, è dovuta principalmente a delle scarse prestazioni offerte dal telefono durante la fase di test dell’update, ma questa non sembra essere l’unica motivazione.

HTC infatti ha dichiarato:

Abbiamo ascoltato i vostri feedback sulla nostra decisione di non aggiornare l’HTC Desire HD ad Android 4.0. Comprendiamo che è una decisione controversa.
Per ulteriori retroscena chiariamo che, a causa del modo in cui lo storage dell’HTC Desire HD è partizionato e per le dimensioni più ampie di Android 4.0, sarebbe stato necessario ripartizionare lo storage del device e sovrascrivere i dati degli utenti per installare l’update. Mentre gli utenti più esperti avrebbero trovato tale soluzione accettabile, lo stesso non si può dire per la maggior parte dei clienti. Abbiamo anche preso in considerazione la riduzione complessiva del pacchetto software, ma ciò avrebbe inciso sulle feature e sulle funzionalità che gli utenti utilizzano attualmente. Anche dopo aver installato l’update, ci sarebbero state altre limitazioni di ordine tecnico che, crediamo, avrebbero inciso negativamente sulla user experience.
Crediamo che un aggiornamento dovrebbe sempre migliorare la user experience e valutiamo con attenzione ogni aggiornamento sulla base di questo criterio. Mentre siamo consapevoli della delusione derivante dalla decisione, riteniamo che l’impatto sulla user experience sarebbe stato troppo grande. Riconosciamo il cambiamento rispetto alla nostra precedente decisione e siamo veramente spiacenti per questo.

Un chiarimento dovuto, ma che sicuramente non accontenta l’utenza, che sembra aver preso molto male questa situazione. Le pagine di Facebook sono affollate dai commenti degli utenti arrabbiati ed è già indetta una petizione per poter far cambiare idea alla casa.

Leggi anche:  Peekaboo apre a Milano e cerca programmatori e developer con borse di studio

Speriamo solamente che come per il primo Desire, HTC renda disponibile sul suo sito HTCDev una ROM con Android 4.0 “Pure Google” (oppure la RUU dell’aggiornamento annullato), in modo che l’utenza mediamente esperta che voleva l’update possa  avere una base stabile e drivers aggiornati per le tutte le custom ROM.

 Appena avremo conoscenza di nuovi sviluppi non mancheremo di riportarveli.