Nella giornata di oggi sono stati svelati i risultati finanziari di HTC per il Q1 di questo anno, che mostrano come il trend negativo dello scorso 2011 non si sia ancora arrestato.

C’era da aspettarselo: HTC sta calando ancora, per colpa di un’anno un pò stravagante, nel quale anzichè puntare al trono di miglior casa smartphone Android, si è seduta sugli allori e ha prodotto smartphone potenti e prestanti, ma che per un problema o per l’altro hanno fatto preferire al pubblico l’acquisto di altri smartphone.

Sensation è tuttora, ancora per qualche giorno, il Falgship di HTC, e come molti sapranno è uscito nel mercato con ancora qualche problemino software, nonchè un’audio in capsula non ottimale in alcuni modelli. Tutto questo, sommato alle grandi aspettative che erano riposte nel modello, ha creato grandissima “diffamazione” (chiamiamola così dai) nei confronti del prodotto, che su internet nelle varie recensioni non è quasi mai stato preferito al concorrente Samsugn Galaxy S2. Nonostante i problemi fossero spariti dopo qualche settimana ormai era tardi, e da li è iniziato il calo di vendite di HTC, che prosegue tuttora in questi primi tre mesi del 2012.

Sono stati fatti registrare infatti introiti per circa $2.3Miliardi, che si concretizzano in un calo percentuale di circa il 35% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

L’arrivo tuttavia nei mercati in questi giorni della nuova serie One sicuramente darà una boccata d’aria fresca a questa casa, e speriamo che si possa presto rialzare, raggiungendo in breve i vertici del panorama mondiale.

I nuovi modelli sono belli, potenti e completi, il massimo che si possa desiderare, e seppur in Italia costano 100€ in più rispetto all’Europa per via della nostra Garanzia, online si possono acquistare i modelli europei a prezzi assolutamente competitivi.

Solo il tempo ci dirà se questo brutto anno per HTC è stato solo una breve parentesi, e confidiamo che i nuovi modelli riporteranno in auge la casa. Fra tre mesi avremo già un quadro più delineato sull’andamento.

Nota dell’autore: essendo possessore di Sensation so quanto ha patito questa casa, perchè ho visto nel mio smartphone tutta la fatica che ha fatto per recuperare il terreno perso, senza che però venisse in qualche modo premiato lo sforzo. Sensation è stato il primo device non nexus a ricevere ICS, e già a due settimane dall’uscita era allo stesso livello di Galaxy S2, ma ormai era davvero troppo tardi: il web aveva colpito duramente.

Spero vivamente che quest’anno sia diverso, sopratutto visti i nuovi One X e S.