Come, molti di voi certamente sapranno, finalmente ieri è stato rilasciato il pacchetto per l’aggiornamento ufficiale del Google Nexus S alla versione 4.0.4 di Android ICS. Ecco alcune impressioni a caldo dopo l’aggiornamento:

• Innanzitutto, dopo quasi 3 mesi e mezzo di Android 4.0.3, la Recovery Stock è finalmente tornata a farsi vedere.
• Il sistema in generale è indubbiamente più fluido e reattivo, con una evidente riduzione degli impuntamenti.
• La fotocamera si apre molto più velocemente dal menu di sblocco e l’immagine è già perfettamente nitida e a fuoco.
• Anche la tastiera risulta essere decisamente più fluida.
• Il Browser Stock sembra leggermente più reattivo.
• È stato risolto il bug relativo all’invio degli MMS.

Per quanto riguarda invece il problema relativo al micro-flash emesso dal display durante la pressione del tasto di blocco, posso dire che la situazione è decisamente migliorata, anche se nei vari test effettuati, un paio di volte si è verificato ancora il suddetto bug.

Infine passiamo al problema più rilevante di tutti: il battery drain.
Ovviamente non sono ancora in grado di emettere un verdetto definitvo su questo punto molto dolente, che ha notevolmente afflitto la relase 4.0.3 di ICS, ma generalmente la situazione sembrerebbe molto migliorata. Caricato lo smartphone tutta la notte fino al consueto 93-94% e staccatto questa mattina alle 6:30 di questa mattina, trascorse 8 ore e 30 minuti circa, sono al 65% di batteria residua. Durante questa arco di tempo, ecco l’uso che ho fatto del mio terminale:

7 ore di Wifi
1 ora e mezza di 3G, con tanto di Hot Spot Wifi attivo
Rotazione automatica sempre abilitata
1 ora abbondante di Gaming con giochini vari e conseguente uso dell’accelerometro
1 ora abbondante di sincronizzazione attiva
Skype sempre aperto in background.

Dal mio punto di vista, quindi, anche per quanto riguarda l’autonomia, posso definirmi soddisfatto, poichè con lo stesso uso del terminale (ma la vecchia versione di ICS), a questo punto della giornata avrei non più del 10% di batteria.
C’è chiaramente da considerare che il 3G in abbinazione alla funzione Hotspot, ha dei consumi notevolmente alti, pertanto, non facendo uso di questa funzionalità, probabilmente con la nuova versione di Android raggiungeremo tranquillamente la fine giornata e forse anche i due giorni consecutivi (senza farne un uso intenso). E voi cosa dite? Soddisfatti?