Uno degli incubi maggiori per chi utilizza uno smartphone – sia esso di marca Android sia di indirizzo iOS – riguarda la poca autonomia della batteria. Soprattutto i device di non recente data – ma anche alcuni modelli più recenti – soffrono di problemi legati all’utilizzo. Alcuni si surriscaldano, altri non riescono a supportare un ciclo di vita nell’arco delle ventiquattro ore.

Vogliamo mostrarvi oggi tre piccoli trucchi per aumentare le prestazioni del vostro cellulare Android. Chissà magari, con questi accorgimenti, una ricarica durerà tutta la giornata…

 

Migliorare le batterie dei device Android

Il primo metodo è quello legato alle app, cosiddette invasive. Tra queste, non possiamo non menzionare piattaforme legate al mondo social. In primis, troviamo Facebook, vero e proprio macigno sulla memoria per per la batteria di ogni smartphone. Evitando di entrare sul social – o addirittura disinstallando l’app – è possibile migliorare sensibilmente l’autonomia del telefono.

L’altro grande consiglio è sempre legato all’uso di applicazioni. Con l’affiorare di malware e file infetti sul web, sempre più persone si affidano a software antivirus fai da te. La maggior parte di questi servizi è più dannosa che produttiva ed inoltre porta via anche tanta batteria del vostro device.

L’ultima strada – che è anche un po‘ il segreto di Pulcinella – riguarda un uso più accorto delle funzioni. Diminuendo il numero di notifiche, eliminando le impostazioni di geolocalizzazione e giocando su parametri come luminosità, volume e risparmio d’energia è possibile prolungare (anche di ore) la batteria del device Android.