huawei_p20_pro-16-700x394Huawei P20 Pro è stato oggetto di diverse analisi che hanno consentito di delineare il profilo di uno smartphone decisamente rivoluzionario sotto molti punti di vista, dal comparto imaging a quello delle performance pure e semplici materializzatesi al cospetto di un comparto Smart davvero all’avanguardia.

Ciò che abbiamo visto all’interno della nostra recensione lascia oggi il posto a nuove considerazioni che si staccano dalla componente hardware di potenza per fornire nuove informazioni su quella che è invece la parte costruttiva. Il noto JerryRigEverything ha dato il via al suo iter di test su Huawei P20 Pro. Il risultato è sconcertante.

Huawei P20 Pro: test di piegatura, graffio e bruciatura

Il fatto di definire sconcertante il risultato del test non è un’esagerazione voluta. Il video realizzato da Zack prova infatti che il dispositivo si comporta in maniera decisamente inconsueta rispetto a quanto ci si poteva aspettare. Il vetro si frantuma in diversi punti nel test di piegatura che seguita lo scratch-test col taglierino.

Rispetto ad altri smartphone lontani dal ruolo di top di gamma, questo P20 Pro si comporta decisamente male ed evidenzia un’estrema fragilità strutturale. Che sia un caso? Non crediamo proprio visto il risultato.

Poco bene anche il test di bruciatura con un AMOLED che non riesce a riprendersi e che lascia invece una macchia bianca a schermo anche in modalità di stand-by e con device spento. Resiste bene invece la cornice in metallo. Magra consolazione però, sapendo che costruttivamente il device presenta della mancanze decisamente gravi se si considera il prezzo e le implementazioni corrisposte.

Il video che segue vi lascerà letteralmente stupiti. Voi che cosa ne pensate?