Samsung Galaxy S10
Una delle notizie più importanti pubblicate oggi dai media coreani riguarda Samsung Galaxy S10. Il prossimo top di gamma del produttore coreano è già in lavorazione in quel di Seoul dove designer e ingegneri hanno già finalizzato il design. Tuttavia, se vi aspettare una rivoluzione del form factor della scocca, potreste rimanere delusi.

LEGGI ANCHE: Samsung, ecco i prossimi smartphone che riceveranno Android 8.0 Oreo

Samsung Galaxy S10 avrà, infatti, l’Infinity Display design e quindi linee e forme molto simili ai modelli che sono caratterizzati proprio dall’Infinity Display. Gli addetti ai lavori hanno addirittura suggerito le possibili dimensioni dello schermo di Galaxy S10 che esordirà anche nell’ormai consueta versione Plus.

Galaxy S10, il design è stato finalizzato: avrà un Infinity Display gigantesco

Nello specifico, Galaxy S10 dovrebbe esordire con un Infinity Display da 5.8 pollici di diagonale. Un pannello che salirebbe a 6.3 pollici di diagonale per la versione maggiorata. Dimensioni più grandi di quelle degli attuali Galaxy S9 e Galaxy S9+: rispettivamente rispettivamente 0.03″ e 0.08″.

Samsung, dunque, ridurrebbe ulteriormente le cornici agli estremi senza però ricorrere ad alcun notch. La parte posteriore, invece, potrebbe essere rivista cambiando la posizione dei sensori e soprattutto eliminando definitivamente il lettore di impronte digitali. Quest’ultimo può essere spostato all’interno dello schermo come su Huawei Mate RS.

Un’altra particolarità che Samsung potrebbe introdurre con Galaxy S10 riguarderebbe un sistema di scansione 3D sviluppato in collaborazione con gli israeliani di Mantis Vision. Un mix in grado di offrire avanzate funzioni di realtà aumentata che potrebbero dare filo da torcere alla TrueDepth di iPhone X.

Altro non possiamo dirvi perché nonostante sia scontata la presenza del migliore processore che offrirà il mercato, di almeno 6 GB di RAM e 8 GB di RAM per la versione Plus, fino a 256 GB di memoria interna, c’è ancora troppo tempo. S10 ed S10 Plus non arriveranno prima di febbraio 2019.