samsung brevetto smartphoneSembra davvero incredibile ma anche Samsung Electronics pare sia caduta vittima del nuovo trend dell’avversario. Secondo gli ultimi dati diffusi in rete pare che il costruttore stia deliberando a favore di uno smartphone con notch area voluto quale replica rivisitata in chiave personale delle soluzioni iPhone X.

Samsung, non è possibile: presto vedremo uno smartphone con notch

Tutti i produttori Android sembra siano rimasti abbagliati dal sistema notch area concepito da Apple in occasione di iPhone X. Lo abbiamo visto con Huawei P20 Pro e lo continuiamo di fatto a vedere anche nelle proposte dei competitor Android diretti. La nuova notch-mania sembra aver preso di mira anche la sudcoreana Samsung che per l’occasione ha sfornato un nuovo brevetto in cui di descrive un “nuovo concept” di telefono intelligente.

Nello specifico si intravede una soluzione senza bordo inferiore in cui gran parte dello spazio circostante è occupato dal pannello touch, il quale si interrompe per la sola presenza di una nuova notch area posta alla sommità del bordo superiore. L’unica differenza con iPhone X consiste in questo caso nella mancanza del frame inferiore.

Altra novità che caratterizza questo nuovo potenziale dispositivo rispetto al rivale Apple si fa corrispondere alla presenza del jack per le cuffie nel formato da 3.5mm. Certe abitudini sono dure a morire, ma gli utenti apprezzano ancora tale implementazione. Ma dove si trova il sensore per le impronte digitali?smartphone Samsung notch Le immagini non garantiscono la sua visione e sono pertanto plausibili due possibili soluzioni. La prima potrebbe prevedere il componente inserito nel pulsante di alimentazione, mentre la seconda una soluzione ottimizzata per un lettore di impronte a schermo che faciliterebbe non poco le interazioni rispetto alla prima proposta in stile Sony.

Si tratta pur sempre di un brevetto e Samsung ha forse tentato di lanciare un’importante esca per asserire le convinzioni del nuovo trend o smentirle del tutto. Non sappiamo di fatto se tale dispositivo possa divenire commercialmente valido e lasciamo quindi a voi l’onere di esprimere una vostra personale considerazione al riguardo.

Leggi Anche: Recensione Samsung Galaxy S9: un upgrade, non una rivoluzione!