La crescente adozione da parte della Cina di tecnologie di riconoscimento facciale utilizzate per inseguire i criminali del paese ha portato all’arresto di un altro sospetto lo scorso 12 aprile.

Questo è quanto riferito ai recenti rapporti del paese, secondo i quali l’uomo sarebbe stato identificato mentre stava assistendo ad un affollato concerto. Il trentunenne, identificato solo dal suo cognome Ao è stato individuato in mezzo a migliaia di persone, rendendo la cattura ancora più spettacolare.

Le telecamere utilizzate per identificare Ao erano presenti all’ingresso dell’evento. Quindi il sistema di identificazione automatica non ha avuto bisogno di scansionare più volti contemporaneamente, come alcuni potrebbero pensare. Il sistema è stato ricollegato al database presso la stazione di polizia del distretto per fare i dovuti confronti.

Il sistema non era, per così dire, specificamente alla ricerca del sospettato poi, arrestato. Invece, stava controllando la presenza di tutti i sospetti nel database della polizia che avrebbero potuto partecipare ad un evento organizzato da un cantante così popolare. Una volta identificato il signor Ao, la polizia ha semplicemente atteso l’uscita dallo spettacolo per bloccarlo ed interrogarlo.

Un nuovo caso di arresto in Cina utilizzando i nuovi strumenti di riconoscimento facciale

 

Le fasi coinvolte non sono dissimili dagli stessi precedenti casi nel paese che hanno stimolato ulteriore interesse nell’uso di questa tecnologia. Mentre il risultato di questa situazione sembra essere per lo più positivo, ci sono ancora molte obiezioni alla decisione della Cina di utilizzare questo tipo di tecnologia. Le preoccupazioni riguardano la facilità con cui un tale sistema potrebbe essere aggirato.

Oltre a ciò, con altri governi che stanno esaminando la soluzione, molti temono che non sarà solo la Cina a seguire questa strada. Piuttosto, la preoccupazione è che, anche se fosse presente un regime totalitario nella nazione, il colosso orientale potrebbe ispirare tale uso altrove.