I giovani britannici stanno rifiutando potenziali datori di lavoro a causa di uffici poco interessanti, come mostrano alcune ricerche. Tra le aziende coinvolte c’è Amazon.

Più di un quinto della gioventù ha quindi deciso di voltare le spalle a un lavoro a causa della scarsa personalizzazione degli uffici, secondo il fornitore di spazi di lavoro Mindspace. Il 16 per cento dei giovani di età compresa tra i 18 e i 24 anni ha dichiarato di aver lasciato un lavoro a causa di quanto fosse poco stimolante l’ufficio. Il 31 per cento dei lavoratori britannici in generale ha affermato di sentire che il proprio ambiente di lavoro li rende poco ispirati.

Nonostante molte aziende adottino uffici open space, poco meno della metà degli impiegati dicono che c’è una collaborazione limitata o assente tra i lavoratori nei loro uffici. Un quarto di persone afferma di volere più spazi appositi, dove le idee possono essere discusse privatamente lontano dalla scrivania. “I millennial sono il futuro della forza lavoro. I giovani costituiranno oltre il 50% della popolazione attiva nei prossimi anni“, ha dichiarato Dan Zakai, cofondatore e amministratore delegato di Mindspace.

I giovani d’oggi hanno bisogno di ambienti lavorativi più stimolanti, progettati in maniera innovativa

“Molti giovani lavoratori nel Regno Unito apprezzano ancora una buona cultura sul posto di lavoro e un salario dignitoso. I datori di lavoro devono iniziare a dare maggiore enfasi all’estetica dell’ufficio. Dunque, devono promuovere uno spazio di lavoro più collaborativo al fine di mantenere e attrarre i migliori giovani talenti.”

Amazon ad esempio ha aperto nuovi uffici a gennaio nel tentativo di aumentare la produttività dei suoi dipendenti. Il nuovo edificio del gigante tecnologico, chiamato Sfera, nella sua città natale di Seattle ospita oltre 40.000 piante composte da oltre 400 specie diverse. Amazon dice che il suono dell’acqua che scorre attraverso l’edificio e l’odore dei fiori ispireranno “creatività”. Forse addirittura miglioreranno gli studi sulla funzione cerebrale che collegano l’aumento della produttività ad ambienti più naturali.