Apple Homepod economicoIl mercato vendita degli speaker intelligenti Apple non decolla ed anzi registra una serie battuta d’arresto rispetto a rivali che invece si stanno ritagliando un angolo d’interesse importante nel contesto di queste nuove soluzioni.

Stando al parere del noto analista di KGI Securities, Ming-Chi Kuo, la società si starebbe apprestando a ristabilire l’ordine delle cose, disponendo il rilancio di un mercato che potrebbe conoscere anche una versione economica di Homepod.

Apple HomePod: versione economica in arrivo?

Dopo aver portato alla nostra attenzione la nascita di un iPad Pro 9.7 finalmente per tutte le tasche pare proprio che Apple sia intenzionata a rimodulare anche i listini delle sue soluzioni intelligenti per gli speaker digitali. Soluzioni che di fatto potrebbero verosimilmente introdurre una potenziale nuova versione economica.

Secondo Kuo, Siri non è ancora in grado di competere con i rivali Alexa e Google Assistant e che sarebbe proprio questo uno dei motivi che, insieme al prezzo, sta determinando un mercato di vendita a rilento.

“Sono trascorsi sei anni da quando Apple ha introdotto Siri, ed era molto più avanti dei suoi principali concorrenti. La vasta comunità di utenti iOS e macOS permette di promuovere la funzione dell’assistente vocale. Comunque, notiamo che, per la maggior parte di utenti a livello mondiale, Siri non è una funzione irrinunciabile, e che Apple non è ancora diventato un marchio leader nel mercato degli assistenti vocali AI. Notiamo anche che HomePod non ha ancora aggiunto il supporto a nuovi linguaggi sin dal lancio, circostanza che suggerisce che Apple sta affrontando delle sfide nello sviluppo dell’AI e dell’assistente vocale a livello mondiale; ciò limiterà le consegne”

Secondo l’analista la società si starebbe apprestando alla concessione di una nuova versione di Apple HomePod il cui costo si aggirerebbe attorno ai 150-200 dollari, in linea con la concorrenza top di gamma del mercato Smart Speaker. Si deve però lavorare ad un affinamento delle capacità dell’assistente prevedendo un riconoscimento vocale più efficace che renda ardua la competizione sul fronte vendite con Google Home ed Amazon Echo.