VodafoneVodafone dà e Vodafone toglie, la notizia può non stupire, ma l’operatore telefonico ha deciso di aumentare i prezzi di una serie di offerte di utenti italiani. A partire dai mesi estivi, infatti, in moltissimi si troveranno a pagare di più, pur usufruendo sempre degli stessi identici contenuti.

Nel momento in cui l’azienda ha deciso di non perpetrare il fatidico aumento dell’8,6% (a causa delle dichiarazioni dell’Antitrust), i malpensanti iniziarono subito a pensare che avremmo assistito ad un altro aumento dei prezzi. In molti non ci volevano credere, ma purtroppo, con calma, Vodafone sta dando il via ad una serie di modifiche contrattuali unilaterali.

Vodafone: in arrivo pericoli e aumenti di prezzo per gli utenti

A partire dal 10 Giugno i clienti privati con una SIM dati vedranno aumentarsi il costo dell’offerta di 1,50/2 euro su base mensile. E’ importante sottolineare come tale aumento sia completamente scollegato dal ritorno alla fatturazione mensile, imposta dall’AGCM a partire dal 5 Aprile 2018, ma per bilanciare gli investimenti effettuati dall’azienda stessa.

Parallelamente, a partire dal 10 Luglio, invece, tutti gli utenti privati con attivo un abbonamento di rete fissa vedranno aumentare il canone anche di 3 euro (sempre su base mensile).

Naturalmente non siete assolutamente obbligati a sottostare alle modifiche contrattuali, Vodafone vi offre l’opportunità di recedere gratis dal contratto, semplicemente inviando una raccomandata con oggetto “modificazione delle condizioni contrattuali” entro 30 giorni dalla ricezione del messaggio relativo alla modifica.

Per maggiori informazioni non vi resta che contattare direttamente Vodafone o attendere la ricezione dell’SMS informativo.