WhatsApp: rischio privacy tutti, ecco perché va nascosta l'immagine del profilo
WhatsApp

Domani, 1 aprile, in Italia e nel mondo, si celebra la Pasqua. Proprio come per Natale, gruppi di famiglia si riuniranno intorno ad una tavola imbandita di pietanze, da nord a sud. Proprio come per il Natale, ci sarà la ressa per fare gli auguri a questa o quella persona.

Anche per le festività pasquali, siamo pronti a metterci la mano sul fuoco, i gruppi WhatsApp ricopriranno un ruolo di primaria importanza. O per scambiarsi gli auguri o magari, anche per organizzare, la Pasquetta (il classico lunedì tra mare e braciate), le notifiche pioveranno dal cielo.

Pasqua, Pasquetta ed i gruppi WhatsApp

Per affrontare al meglio la due giorni vi offriamo quindi un recap con alcune comode soluzioni per sopravvivere ai gruppi WhatsApp tra uova di Pasqua e foto di coniglietti con gli occhi dolci.

Come tutti ben sanno, non esiste un metodo per evitare di essere aggiunti ai gruppi. L’unica alternativa è quella di essere lungimiranti. Qualora già si conosce l’organizzatore seriale di conversazioni in chat, è possibile bloccare tale contatto – magari solo per qualche ore – in modo da non essere inseriti in nessuna discussione.

Per depistare eventuali gruppi con persone sconosciute, poi, si può utilizzare la tecnica del cambio numero. Chi possiede una SIM alternativa può decidere di cambiare temporaneamente il numero associato al suo account.

Il metodo del silenzio

L’ultimo sistema – ed anche quello più semplice – è quello del silenzio. Per trascorrere una Pasqua in tutta tranquillità, senza la perenne scocciatura di WhatsApp, potete decidere di ammutolire tutte le notifiche che arrivano da gruppi e chat varie.