poste italiane
Poste Italiane: mail pishing truffano gli utenti

Molti utenti si sono lamentati sui nostri social di aver ricevuto una strana mail da Poste Italiane, ovvero la società che si occupa di gestire i servizi postali in Italia. Nella fattispecie, la mail parla di una somma di denaro piuttosto sospetta che deve essere accreditata sul proprio conto corrente, ma a causa di ”coordinate bancarie errate” tale operazione è impossibile.

Così, Poste Italiane chiede di cliccare su un link per inserire le coordinate corrette – ovviamente, assieme a mail e password del proprio conto.

La questione ci ha insospettito, ed effettuando alcune ricerche abbiamo scoperto scoperto che si tratta di un tentativo di phishing! E ad essere sinceri pare orchestrato piuttosto bene.

Il pishing è una truffa via email tesa a rubare le credenziali d’accesso di un conto corrente o account social, così da sottrarre al povero utente denaro o informazioni personali.

Come vi ripetiamo da tempo nei nostri articoli dedicati alle truffe WhatsApp, non bisogna fidarsi dei messaggi o mail che richiedono l’inserimento di username e password!

Di seguito vi riportiamo il contenuto della mail Phishing Poste Italiane:

Gentile Cliente di Poste Italiane,La avvisiamo che abbiamo ricevuto la disposizione di accreditarle la somma di 548,00 Euro ma non siamo in grado di elaborare questa richiesta perchè le coordonate bancarie che abbiamo ricevuto non ci risultano corrette.
La preghiamo di aggiornare tempestivamente le sue informazioni, in caso contrario, abbiamo l’obbligo di disporre un’operazione inversa chiedendo che l’ordine di pagamento sia revocato e che quindi la somma disposta ritorni al mittente.
Per effettuare l’aggiornamento dei suoi dati, basta cliccare sul link sottostante e di compilare 
correttamente tutti i campi che si trovano sul nostro sito.
VAI AL SITO

Dopo una breve verifica dei dati inseriti da parte del nostro sistema automatico, provvederemo ad effettuare l’accredito del bonifico.
La ringraziamo per la sua gentile collaborazione! Cordiali Saluti,

Assistenza Poste Italiane S.p.A

 

Chiaramente, e teniamo a sottolinearlo, la seguente mail e quelle simili ad essa non sono state spedite da Poste Italiane, nè da enti ad essa collegati; bensì è il frutto del lavoro di cybercriminali, che fanno leva sulle paure e ingenuità dell’utente per rubare soldi.

Ci sorprende la correttezza e la fluidità del linguaggio, sintomo – questo – che porta a pensare che il tentativo di truffa sia stato orchestrato da un italiano

È importante ricordare che Poste Italiane – e in generali banche o social network – non chiedono mai di reimpostare password tramite mail simili a quella allegata in alto. Tantomeno se essa va a finire nella cartella SPAM. Bisogna fare attenzione ed analizzare sempre l’http della pagina sulla quale ci si trova, poiche molto spesso i cybercriminali realizzano pagine in tutto e per tutto identiche a quelle che noi tutti conosciamo; in questo modo l’utente è invogliato a inserire la propria mail e password, compromettendo gravemente il suo account.

 

Il nostro consiglio è di ignorare queste mail, e una volta ricevute – i tentativi di truffa sono ormai all’ordine del giorno – eliminarle immediatamente.