Samsung Galaxy S9 Plus
La scocca posteriore e il gruppo fotocamere del Samsung Galaxy S9 Plus

I ragazzi di iFixit hanno deciso, come di consueto, di valutare la riparabilità di un terminale appena presentato. In questo appuntamento, il paziente speciale è il nuovo Samsung Galaxy S9 Plus.

Per scoprire i segreti che si celano all’interno della scocca, c’è bisogno di effettuare un teardown, ossia smontare lo smartphone pezzo per pezzo. Grazie a questa operazione, si riesce a capire quanto sia semplice accedere a determinate aree dello smartphone e quindi valutare il grado di riparabilità in caso di ricorso all’assistenza. Smartphone più semplici da smontare possono ottenere punteggi più alti e viceversa.

In questo caso, il Samsung Galaxy S9 Plus da subito presenta alcune difficoltà nell’apertura. Il primo ostacolo è la scocca posteriore in vetro, che per poter essere aperta senza problemi deve essere prima riscaldata. Tolta la copertura si accede immediatamente al gruppo fotocamere e al sensore di impronte digitali. Rimosso il sostegno interno si accede al vano batteria che a quanto dichiarato da iFixit è la stessa del Galaxy S8 Plus. La nota negativa in questo caso è che l’azienda coreana abbia utilizzato al colla per fissare la batteria al telaio, rendendo la sostituzione difficoltosa, così come per il display.

Il punteggio finale che i ragazzi di iFixit hanno dato al Samsung Galaxy S9 Plus è un impietoso 4 su 10. La valutazione tiene conto di alcune note favorevoli come la modularità di alcune componenti, ma la assurda difficoltà per rimuoverne altre. La scelta di utilizzare il vetro per la scocca è si elegante, ma rende difficoltosa ogni riparazione già dal primo momento. Il largo utilizzo della colla rende il tutto ancora più delicato.