Smartphone:11 "bugie" che ti sono state dette riguardo la ricarica della batteriaSe c’è una lamentela costante che siamo soliti sentire dai possessori di smartphone è relativa alla durata della batteria. È un argomento che accomuna sia gli utenti Android che iOS, forse la sola cosa su cui possono essere d’accordo.

Sono diverse le leggende che fluttuano intorno a ciò che dovresti o non dovresti fare quando la batteria agli ioni di litio del tuo device sta per esalare l’ultimo respiro. Ma in questo breve elenco cerchiamo di fare chiarezza.

Bugia 1. Caricare lo smartphone troppe volte rovinerà la sua batteria

Non si tratta del numero di volte in cui si ricarica la batteria: è quanto può contenere la batteria. Il ciclo di ricarica della batteria dipende dalla capacità, non dal numero di volte in cui è stata caricata. Se si carica il 50% di una batteria da 2000 mAh, sarà necessario caricarla per altri 1000 mAh prima che il ciclo sia completato.

Detto questo, ogni batteria ha un ciclo di vita finito. Il che significa che c’è un numero massimo di cicli di carica che può attraversare prima che si verifichi la sua “morte” effettiva. In genere è un numero di migliaia che non dovrebbe influire, perché quasi certamente cambierai il tuo telefono con un modello più recente prima di poter assistere alla sua “estinzione”.

Bugia 2: non caricare mail telefono di notte

È opinione diffusa che lasciare il telefono in carica danneggerà la sua batteria in caso di sovraccarico. Quando i telefoni erano meno sofisticati, probabilmente era vero. Ma gli smartphone di oggi hanno “l’intelligenza” tale da rilevare quando la batteria è piena e, quindi, interromperne la ricarica.

Bugia 3: aspettare che la batteria sia allo 0% prima di caricarlo

Si dice che usare il device dal 30% in giù riduca la “vita” media della batteria. È tempo di correggere questo malinteso che le batterie abbiano una “memoria”. La moderna batteria agli ioni di litio è più intelligente del lasciarsi ingannare dall’effetto memoria, poiché sa esattamente quali sono i limiti.

Smartphone:11 "bugie" che ti sono state dette riguardo la ricarica della batteriaBugia 4: è giusto lasciare lo smartphone scarica

Non farlo. Potrebbe finire per danneggiarlo in modo permanente in quanto potrebbe cadere in uno stato di “coma” della batteria. Quindi, riaccendendolo, potrebbe non essere in grado di sostenere una carica. Se si desidera non usarlo più, assicurati che abbia il 50% di carica, quindi spegnilo e lascialo da qualche parte privo di umidità e lontano dal calore.

Bugia 5: quando conservare lo smartphone completamente carico

Lasciarlo completamente carico per un periodo di tempo prolungato, potrebbe fargli perdere capacità, portando a una minore durata della batteria. Quindi, lasciarlo collegato al cavo di ricarica come una sorta di flebo non è una buona idea. Di nuovo, lascialo al 50%.

Bugia 6: il calore danneggia la tua batteria

Tutte le batterie peggiorano con l’aumentare delle temperature. Quindi, se lasci il telefono al sole, surriscalda e degrada la batteria. Non sottoporre mai la batteria scarica a temperature superiori a 35 gradi. Copri lo smartphone per evitare un surriscaldamento nocivo.

Smartphone:11 "bugie" che ti sono state dette riguardo la ricarica della batteriaBugia 7: il freddo non ha mai danneggiato uno smartphone

Scoprirai che può funzionare in modo anomalo a temperature estreme, ad esempio spegnendosi improvvisamente o facendo scaricare troppo rapidamente la batteria. L’esposizione prolungata a temperature molto basse può persino deteriorare completamente la batteria.

Anche se la maggior parte delle batterie può sopportare tecnicamente fino a un minimo di -20 gradi, qualsiasi temperatura al di sotto di 0 gradi può rendere il tuo device “inetto”. Basta tenerlo a temperatura ambiente.

Bugia 8: dovrai calibrare la batteria prima di utilizzare il telefono

Bugie. Tutte bugie. È possibile utilizzare il telefono appena uscito dalla confezione. Non c’è scienza che supporti la convinzione che scaricare la batteria del tuo nuovo telefono e ricaricarlo a pieno massimizzi la durata della batteria. Infatti, le batterie sono già state calibrate nel momento in cui lasciano le fabbriche.

Ti sei mai chiesto perché il tuo telefono passi dal 40 percento allo 0 percento così rapidamente? Scaricarlo completamente una volta al mese dovrebbe essere più che sufficiente per mantenere il contatore della batteria dello smartphone nel pieno delle sue capacità intellettive.

Smartphone:11 "bugie" che ti sono state dette riguardo la ricarica della batteriaBugia 9: basta che il carica batterie di terze parti funzioni

Mai e poi mai lesinare sugli accessori per il tuo telefono. Se sei disposto a separarti da 1.000 euro per acquistare uno smartphone, perché dovresti spenderne 20 per un caricabatterie non ufficiale? Vuoi davvero comprare qualcosa di economico e finire per avere un problema ancora più costoso?

Cerca sempre la certificazione sulle confezioni per assicurarti che abbiano il marchio di approvazione del produttore del telefono. Questi prodotti sono stati testati per assicurarsi che funzionino secondo gli standard rigorosi dei produttori.

Bugia 10: il tuo telefono non ha bisogno di spegnersi mai

Probabilmente hai tenuto il telefono acceso per mesi. Non essere un padrone del suo schiavo, dagli una pausa. La sua disattivazione gli darà la possibilità di riavviarsi, specialmente quando si tratta di applicazioni insidiose in esecuzione in background e che drenano più velocemente energia vitale della batteria.

Fai un favore e spegnilo subito. Bastano solo un paio di minuti per riavere lo smartphone. Fa bene alla batteria (e a te!).

Bugia 11: non devi utilizzare lo smartphone mentre è in carica

Di nuovo un’altra leggenda metropolitana che deve essere affrontata. Questa è probabilmente nata da storie di qualcuno il cui telefono è esploso mentre lo stava usando. Probabilmente, è successo a causa di un cavo di ricarica di terze parti, anzichè al fatto vero e proprio che stesse sotto carica.

Usalo quando vuoi. Fintanto che segui i passaggi precedenti, non c’è davvero nessun divieto di utilizzo.

Leggi anche: Lo smartphone ha i giorni contati: tecnologie futuristiche bussano alla porta