WhatsApp: il nuovo incredibile trucco per spiare i movimenti del vostro partner

Se ci sono cose che tutti dobbiamo cercare di proteggere sul nostro smartphone, queste sono i dati personali. Ogni giorno, sia attraverso WhatsApp sia attraverso altre applicazioni (social network in primis), le informazioni riservate vengono messe alla berlina di potenziali malintenzionati.

Il campanello d’allarme più alto deve arrivare dalla chat di messaggistica istantanea. E’ proprio da qui che passano migliaia di informazioni, attraverso le conversazioni quotidiane ed attraverso elementi come la foto profilo, le storie e gli stati.

Non è quindi un caso se la piattaforma di messaggistica istantanea è stata presa di mira da hacker e cybercriminali di vario genere.

Le app da evitare per WhatsApp

C’è un modo attraverso cui nelle ultime settimane questa categoria di individui tenta di ingannare poveri sprovveduti. Questo metodo contempla le app (alcune delle quali presenti anche su Google Play) che promettono un monitoraggio della chat.

Tutte quelle piattaforme che in apparenza consentono di spiare le conversazioni altrui sono, ad esempio, da evitare per un semplice motivo. Queste, infatti, prima di essere utilizzate (si badi bene che l’utilizzo è molto relativo) richiedono agli utenti l’autorizzazione per la condivisione dei dati personali.

Le informazioni, nella maggior parte dei casi, finiscono nelle mani sbagliate e vengono utilizzate per fini pubblicitari o per scopi ancora peggiori.

Due consigli per la sicurezza

Per essere sicuri riguardo la sicurezza di una piattaforma riguardante WhatsApp è bene considerare questi due consigli. In primis, al momento del download è necessario vedere se l’app è coperta dalla garanzia “Google Play Protect”. In seconda analisi, consigliamo di leggere le recensioni degli utenti per scoprire se l’utilizzo reale corrisponde a quello ipotetico.