bbkSamsung è il primo produttore di telefoni cellulari al mondo, Apple il secondo, ma chi ottiene la medaglia di bronzo? Qual è la terza azienda che vende la maggior parte degli smartphone? Le scommesse sono aperte: Huawei? LG? Xiaomi? Google? HTC? No. Nessuno di questi.

Suggerimento: sì, è cinese. Ha iniziato a creare videogiochi. Successivamente, si è trasferito nell’industria dei CD, MP3 e dispositivi acustici. E, nel 2007, con la nascita dell’iPhone di Apple, ha messo gli occhi su un mercato emergente che lo avrebbe reso multimilionario: gli smartphone.

BBK Electronics racchiude diverse marche di smartphone venduti in tutto il mondo. Si potrebbe dire che è una specie di conglomerato di società, una joint venture (progetti comuni di investimento) in Oriente. È proprietaria di Oppo – di grande successo nel Sud-Est asiatico e in India (e sponsor ufficiale di FC Barcelona) – che a sua volta possiede OnePlus, il quale ha guadagnato popolarità attraverso internet nell’ultimo anno. Ma BBK sta anche dietro il marchio Vivo, che vende telefoni cellulari in Russia, India e Cina, e imoo , il cui mercato è la Cina (anche se copre molto meno del precedente brand).

Il suo successo è travolgente: Oppo e Vivo hanno registrato ciascuno una crescita annuale superiore al 100% nel 2016. Le vendite combinate di Oppo e Vivo sono state pari a 199 milioni nel 2017, secondo quanto riferito da Apple, che ha effettuato un totale di 216 milioni di spedizioni. Samsung non ha raggiunto 218 milioni di unità.

Ma nessuna delle due aziende era presente quest’anno al Mobile World Congress, la più grande fiera di telefonia cellulare al mondo, che si è tenuta a Barcellona, fino al 1 ° marzo.

Perché BBK non vuole che il suo nome venga conosciuto al di fuori dell’Asia

Parola d’ordine: ermetismo. Ma non in Cina. La sua segretezza, almeno per il mondo occidentale, è visibile sul suo sito web, che è in cinese e non ha nemmeno una versione inglese, come invece accade per alcuni dei suoi concorrenti nel continente asiatico. Né è presente su Facebook, Twitter o Instagram. Ma gli account sono aperti su Weibo (il cosiddetto Twitter cinese) e Wechat, il social network più popolare del paese. Non si rivolgono al mercato di fascia alta, come Apple e Samsung, ma il loro pubblico non è nel mondo asiatico. Sono interessati a raggiungere un pubblico più ampio nella Cina rurale, producono telefoni molto più economici per i consumatori con redditi più bassi.

Come spiegano gli addetti ai lavori, ad esempio, se un iPhone può costare circa 1.000 dollari, uno smartphone prodotto da BBK costa poco più di 100. Sebbene l’azienda prenda in prestito alcune tecnologie dai marchi occidentali, questo e altri marchi cinesi hanno il loro know-how, che possono esportare in altri paesi dell’Asia e dell’Africa, ad altri tipi di consumatori, oltre a quelli che comprano telefoni più costosi. In Cina, BBK è un’azienda che conosce il mondo intero.

La chiave è il fatto di essere riuscita a raggiungere più persone, qualcosa di cui i principali media internazionali non stanno parlando. Le autorità cinesi hanno finanziato la società nel 1995 e poi, ancora, nel 1998, quando è “decollata” del tutto. Sebbene al momento non si sappia se il governo stia ancora finanziando, comunque sta vincendo sul campo con questo tipo di attività, poichè è una tecnologia che consente di raggiungere più persone.