whatsapp adidasA tutti farebbe piacere ricevere un bel paio di scarpe nuove in regalo, specialmente se di una marca prestigiosa come Adidas, ma se vi è arrivato un messaggio su Whatsapp che vi invita a seguire un link per cercare di vincerne un paio, allora vi invitiamo a stare in guardia.

Si tratta infatti di una truffa, l’ennesima bufala che sta girando nel Web nell’ultimo periodo e che rischia di essere molto dannosa per il vostro smartphone e il vostro credito residuo.

Il messaggio che potreste ricevere su Whatsapp da uno dei vostri contatti dice più o meno così: “Festeggiamo il nostro 80° compleanno regalando 5000 paia di Scarpe Adidas Gratis.
Ricevi subito un paio di scarpe Adidas in regalo. 
Guarda!! Provaci anche tu

Se doveste cliccare sul link vi trovereste davanti un sondaggio, che vi richiede vari dati e per convincervi della validità del concorso trovereste anche dei finti commenti che confermano che la procedura funziona e che hanno ricevuto le scarpe promesse. Tutto questo è chiaramente falso, perché in realtà alla fine di tutto il procedimento, vi si attiverà un servizio a pagamento sul vostro numero, in grado di scalare 5€ dal credito per ogni messaggio che vi inviano, costringendovi poi a contattare il vostro operatore per la disattivazione, con il rischio di non riuscire nemmeno a ottenere un rimborso.

whatsappLa bufala smascherata su Whatsapp

Ma come possiamo sapere che si tratta di una bufala e non di una vera promozione Adidas? Innanzitutto, l’attivazione del servizio a pagamento non richiesto: Adidas non ha questo genere di servizi, oltretutto illegale, e non li proporrà mai ai suoi utenti. Inoltre, basta leggere attentamente il messaggio e analizzarlo con attenzione.

Leggi anche:  WhatsApp: incredibile multa agli utenti Vodafone, TIM, 3 e Wind per 322 euro

La prima riga sostiene che Adidas stia festeggiando il suo 80° compleanno, ma con una rapida ricerca su Wikipedia si scopre una cosa molto interessante: l’azienda è stata fondata nel 1949, quindi 69 anni fa, un dato ben lontano dagli 80 anni. Già questo potrebbe essere un indizio compromettente, ma la vera chiave per capire che ci troviamo di fronte ad una notizia truffa è il link allegato al messaggio: nonostante abbia scritto Adidas al suo interno, il vero sito a cui si fa riferimento è Wallet.org, che non ha niente a che fare con il sito ufficiale dell’azienda. Con questi pochi e semplici controlli, si può evitare di cadere nella trappola dei servizi a pagamento non richiesti, anche quando le promozioni sembrano molto allettanti o legittime.

Come difendersi dalle truffe informatiche?

Per prima cosa, è sempre meglio dubitare di tutto. Nessuna azienda deciderà mai di regalare così facilmente i suoi prodotti, specialmente se non ha una vera occasione per farlo e se l’iniziativa non è pubblicizzata sul suo sito ufficiale  o nei negozi dedicati. Secondariamente, bisogna sempre evitare di fornire dati personali a siti sconosciuti o di cui non si può verificare l’autenticità, in modo da evitare brutte sorprese come i servizi a pagamento o nei casi più gravi il furto del proprio account personale.

Vi invitiamo quindi a controllare sempre le informazioni che vi vengono proposte da questi messaggi pubblicitari, sia con una ricerca su Google, che contattando direttamente l’azienda interessata.