Apple consiglia gli sviluppatori di non usare le emoji nelle appTutti noi siamo abituati ad utilizzare le faccine, o emoji che dir si voglia, quando conversiamo su Whatsapp o su Facebook, ma ci sono emoji ed emoji. Apple ha deciso di impedire l’utilizzo delle sue faccine all’interno di qualsiasi applicazione in modo non autorizzato.

La notizia arriva proprio dai numerosi sviluppatori per iOS che hanno subito il rifiuto della pubblicazione di molte loro applicazioni proprio perché al loro interno erano contenute le emoji di Apple.

Il motivo? A quanto pare l’azienda di Cupertino reputa l’utilizzo di emoji, con il tipico design marchiato Apple, una violazione del copyright. L’aspetto di queste faccine è riconoscibile e presenta un design che lo contraddistingue da quello di tutte le altre. Quindi d’ora in poi Apple sarà molto più intransigente con gli sviluppatori ed effettuerà controlli più rigorosi.  In particolare l’azienda si appella alla regola 5.2.5, inserita nel marzo 2017 all’interno delle linee guida per la pubblicazione di applicazioni sull’App Store di iOS. Questa regola riguarda infatti i prodotti Apple e recita che non è possibile creare un’applicazione che appaia in qualche modo simile ad un prodotto Apple già esistente.

Apple ha chiesto agli sviluppatori di non usare le emoji nelle app

Quindi di conseguenza le applicazioni e tutte le estensioni, comprese le tastiere di terze parti, potrebbero non includere le emoji Apple. Inoltre, la regola si estende anche all’utilizzo di musiche provenienti da iTunes che non possono essere utilizzate come musica di sottofondo per un collage di foto, come colonna sonora di un gioco o in qualsiasi modo non autorizzato. Quindi l’utilizzo delle emoji Apple è consentito solo nel caso in cui l’utente le abbia digitate, motivo per cui qualsiasi altro utilizzo verrà considerato come un uso improprio ed illegale. Di conseguenza la richiesta della pubblicazione di un App che abbia al suo interno faccine Apple sarà assolutamente respinta.

Leggi anche:  Apple: iPhone rallentati, l'azienda afferma di non averlo fatto intenzionalmente

Questo nuovo scenario preoccupa non poco gli sviluppatori perché ormai loro, come del resto tutti gli utenti, utilizzano le emoji come fossero dei normali caratteri. Di conseguenza diventa difficile farne a meno. Inoltre, il regolamento risulta poco chiaro ai programmatori di app per iOS perché Apple rimane molto rigida su questo campo, ma allo stesso tempo permette di utilizzare liberamente caratteri e font di proprietà  Apple (come  il carattere San Francisco).

Del resto, acquistare un set di emoji o di caratteri sarebbe molto dispendioso, ancora di più lo sarebbe crearne uno da zero perché servirebbero delle competenze grafiche che non necessariamente tutti gli sviluppatori possiedono. Molte app sono create da sviluppatori indipendenti e non da aziende che possono permettersi di assumere terze persone per la creazione di semplici faccine.