pelle-elettronicaIn un articolo pubblicato sulla rivista Science Advances, un team di ricercatori hanno presentato una pelle elettronica con sensori per misurare la pressione, la temperatura, l’umidità o il flusso d’aria. La pelle elettronica è un materiale sottile e traslucido che può imitare la funzione e le proprietà meccaniche della pelle umana.

La pelle utilizza un nuovo tipo di polimero di rete dinamico con legame covalente noto come polimina a cui sono state aggiunte nanoparticelle di argento per ottenere una migliore resistenza meccanica, stabilità chimica e conducibilità elettrica. “L’unicità, in questo caso, è che il legame chimico della poliamina che usiamo consente alla pelle elettronica di guarire se stessa e anche di riciclarsi completamente a temperatura ambiente“, ha affermato Xiao Jianliang, assistente professore all’Università del Colorado Boulder, che ha diretto lo studio. “Dati i milioni di tonnellate di rifiuti elettronici generati ogni anno in tutto il mondo, la natura riciclabile della nostra pelle elettronica ha un buon senso economico e ambientale“, ha detto Xiao.

Come funziona il processo di riciclaggio

La pelle può facilmente adattarsi a superfici curve come braccia umane e mani robotiche applicando calore e pressione moderati senza introdurre eccessive pressioni. Per riciclare la pelle, il dispositivo è immerso in una soluzione per il riciclaggio che causa la degradazione dei polimeri fino a farli diventare oligomeri, polimeri con un grado di polimerizzazione normalmente inferiore a 10, e monomeri, piccole molecole che possono legarsi per formare polimeri, entrambi solubili in etanolo. Le nanoparticelle d’argento vanno al fondo della soluzione.