Android: 5 applicazioni che dovete disinstallare immediatamente dallo smartphone

Trattando il mondo delle applicazioni per smartphone, non possiamo non citare Android, sistema operativo pieno di risorse che da anni riesce a coinvolgere tantissimi utenti. Il noto OS ideato in casa Google è infatti ai vertici del mercato mondiale su mobile e su fisso.

Tutto ciò è sicuramente dovuto anche ai contenuti offerti, i quali si sviluppano sotto forma di applicazioni e giochi che popolano il market. Quest’ultimo, come sanno tutti, prende il nome di Play Store e rappresenta la massima espressione di quella piattaforma da cui è possibile scaricar qualsiasi cosa.

Android: 5 applicazioni che dovete subito cancellare dallo smartphone

Ogni app ha una sua funzione su Android ma non tutte spesso fanno quello per cui sono state scaricate. Tra queste ne vediamo certamente molte, le quali andrebbero cancellate dallo smartphone se siete stati così sfortunati da cancellarle.

Facebook è certamente al primo posto, sia per via delle sue funzioni dannose per il sistema che per il suo nome, ad oggi forse il più blasonato. La nota app che oramai tutti usano in tutto il mondo, spreca quantità enormi di batteria e lo fa senza preavviso. Usate l’app in Lite, avrete di sicuro più benefici.

Leggi anche:  Huawei Watch 2, Android Oreo porta con se un grave problema

Segue sicuramente Clean Master, applicazione utile per la pulizia, o almeno così dovrebbe essere. Infatti quest’app non fa altro che fare finta di pulire il dispositivo su cui è installata, andando a chiudere addirittura processi utilissimi del sistema.

Vediamo poi le app antivirus che sono spesso fonte di rallentamento per lo smartphone, e proprio queste non fanno altro che appesantire il tutto. Con un po’ più di attenzione potreste riuscire ad essere voi stessi un ottimo antivirus.

Ci sono poi le applicazioni per il download degli mp3, le quali oltre ad essere illegali sono anche pericolose, vista l’enorme quantità di pubblicità contenuta nei collegamenti. Potreste ritrovarvi da un momento all’altro un abbonamento sullo smartphone.

Infine ecco le app torcia, le quali chiedono autorizzazioni che non servono veramente a nulla, come quelle per la fotocamera o magari per il microfono. Inoltre avete ora tutti il classico toggle in tendina, non scaricatele.