Google ha annunciato le statistiche che mostrano la distribuzione di Android per febbraio e ci sono alcuni spostamenti incrementali verso i più recenti sistemi operativi. Nougat è una riconferma. L’adozione di Android 8.1 Oreo è aumentata dello 0,1%, mentre Android 8.0 Oreo dello 0,3%.

Gli aumenti di Oreo 8.0 e 8.1 comportano un aumento totale dello 0,4% per Android Oreo, con un totale dell’1,1% di tutti i dispositivi Android che ora eseguono le ultime iterazioni del sistema operativo. Non è del tutto inaspettato in quanto non è atipico per pochissimi dispositivi recenti il passaggio all’ultima versione del sistema.

Oltre a Oreo, Android 7.0 e 7.1 Nougat continuano a crescere, dal 21,1% al 28,5%. Ciò significa che ha aggirato Marshmallow come la versione del sistema operativo Android più diffusa. Marshmallow è sceso dal 28,6% al 28,1%. Il resto dei guadagni per Oreo e Nougat è venuto da diminuzioni nell’adozione di altre varianti di Android. Lollipop 5.0 e 5.1 sono diminuiti dello 0,5 percento raggiungendo il 24,6 percento rispetto al mese scorso.

Anche Android 4.4 KitKat è sceso al 12 percento. Collettivamente, le iterazioni Jellybean del sistema operativo mobile più popolare al mondo sono scese al 5%. Mentre Ice Cream Sandwich è sceso dello 0,01% a 0,4%.

Nougat è quindi il più installato, ma Android Oreo sta iniziando la sua scalata verso la vetta.

Oreo probabilmente non diventerà la versione principale del sistema operativo Android per un bel po’ di tempo, ma non è affatto improbabile. Tuttavia, al momento le cifre non sono eccessivamente sorprendenti. Storicamente, i dispositivi Android tendono a rimanere con versioni di Android testate e collaudate fino a quando quasi tutti i nodi non sono stati risolti.

La prossima variante, Android P, sarà probabilmente in circolazione ancora per un po’ prima che Android 8.0 diventi un punto d’appoggio. Detto questo, i produttori di dispositivi hanno iniziato ad annunciare nuovi dispositivi e MWC 2018 è anche dietro l’angolo. Quindi è possibile che Oreo avrà un notevole impulso nei prossimi mesi.