android

Sul Google Play Store sono integrate moltissime applicazioni, in alcuni casi di dubbia utilità, ma comunque non malevole per il vostro smartphone. Essendo in numero praticamente infinito, è comunque necessario prestare la massima attenzione a cosa installate. Per questo motivo vi diciamo le 5 applicazioni da disinstallare immediatamente da ogni smartphone.

Ogni giorno milioni di utenti scaricano ed installano particolari applicazioni sul proprio smartphone; con memorie interne sempre più capienti (accompagnate anche dalla possibilità di espanderle tramite microSD), le possibilità sono quasi illimitate.

Questo è ciò che accade per i fortunati che possiedono un terminale di fascia alta. Se invece ricadete in quella fascia di popolazione con uno smartphone di fascia media, installare un’applicazione piuttosto che l’altra potrebbe fare la differenza. In vostro aiuto arriviamo noi di TecnoAndroid con i nostri consigli.

Android: le 5 applicazioni che dovete disinstallare immediatamente da ogni smartphone

Scopriamo assieme quali sono le applicazioni da disinstallare immediatamente da ogni smartphone.

  • Antivirus: utile per i computer, ma assolutamente controproducente su smartphone e tablet Android. I virus per il mobile esistono, ma basta prestare un po’ di attenzione per non incapparci. Se installata consuma tantissima memoria interna oltre RAM e batteria.
  • Facebook: una delle applicazioni che consumano più batteria in assoluto. Lo sappiamo, non potete farne a meno, ma sappiate che il consumo è davvero eccessivo.
  • Launcher o modifiche grafiche: modificare la grafica dello smartphone è sicuramente interessante, ma ne risentirà la velocità dello stesso. Rischiate davvero di rallentarlo per niente.
  • Torcia: una delle utility più scaricate è la Torcia. Se volete utilizzarla, però, ricordatevi che l’avete già installata sullo smartphone. Non scaricatela dal Play Store, a volte non fanno ciò che promettono.
  • Software di Terze Parti: quando installate un’applicazione tramite .APK siate sempre sicuri al 100% della sua provenienza. Non rischiate, non essendo stata filtrata da Google potrebbe essere malevola.
Leggi anche:  Facebook, ecco come scaricare i video su dispositivi Android