Storyline è una piattaforma popolare per la creazione di funzionalità per Amazon Alexa. Di recente è stata aggiornata con una nuova interfaccia utente drag and drop che gestisce quasi tutte le attività relative alla codifica. Inoltre, rende facile creare praticamente qualsiasi Skill (abilità/funzionalità) che si possa immaginare.

L’interfaccia utilizza vari step e blocchi. Un blocco è un breve pezzo di conversazione a senso unico o bidirezionale tra un utente e Alexa. Mentre un passo (o step/passaggio) è ciò che porta al blocco successivo. In sostanza, l’interfaccia utente consente ai creatori di scrivere un determinato blocco e quindi di eseguire passi per raggiungere una serie di altri blocchi, fino alla fine dell’interazione. Più complicato a dirsi che a farsi.

Un buon esempio che integra la maggior parte dei principianti della nuova interfaccia utente di Storyline può essere la scelta della propria storia d’avventura. Il primo blocco è l’introduzione alla storia. Il lettore può scegliere un protagonista. Questo porta a due blocchi, uno per ogni possibile protagonista. Alexa leggerà il primo step scelto dell’utente, quindi chiederà all’utente di proseguire. La scelta dell’utente determinerà il blocco con cui la storia proseguirà. C’è un’opzione per una scelta sconosciuta, se Alexa non capisse il discorso o dicesse qualcosa al di fuori delle risposte previste, così gli sviluppatori potrebbero chiedere all’utente di attenersi alla storia. I creatori possono ingrandire e ridurre lo storyboard e spostare, modificare o eliminare blocchi in qualsiasi momento (Drag and Drop).

Leggi anche:  Amazon: come ricevere prodotti gratis grazie ad un trucco e alle recensioni

Storyline adesso permette interazioni più fluide tra gli utenti e Alexa grazie al miglioramento di Drag & Drop.

Ci sono passi per il testo letto da Alexa, risposte del lettore, risposte inaspettate e persino la riproduzione di brevi frammenti di audio preregistrato. Oltre alle funzioni di base, esistono anche passaggi speciali che possono utilizzare una richiesta dell’API JSON per estrarre e integrare dati da un’origine esterna, a condizione che ci siano i privilegi appropriati per farlo.

Ad esempio, un creatore può trovare una cartella chiamata “scrittura” in Google Drive di un utente e utilizzare un blocco finale diverso con poche frasi aggiuntive che incoraggiano il lettore a creare le proprie storie.

Se sei interessato all’utilizzo di Storyline, guarda il video di YouTube incorporato qui sotto con maggiori dettagli su come utilizzare l’interfaccia utente, come mettere le mani su una copia di Storyline e iniziare a costruire un’interazione.